14 febbraio 2013

Comunicato Stampa: LA FALLACE FORZA DEI BLOG

23/02/2013 Inserisco adesso questo cappello al post, perchè se l'avessi fatto la settimana scorsa avrei potuto dire cose di cui mi sarei pentita, e colgo anche  l'occasione per rispondere a chi mi ha scritto privatamente.
Mi dispiace per il polverone che si è sollevato, sinceramente mi è stato chiesto di partecipare a questa iniziativa e non ci ho visto nulla di male. Per stare in tema con il sito e con il blog ho voluto leggere il libro per recensirlo, e vedere anche lo sceneggiato della BBC per un confronto. Tutto qua. Né più, né meno. Io "egoisticamente" ho guardato solo al mio piccolo spazio virtuale (molti degli altri 90 blog non li conosco nemmeno) che nonostante l'età, di professionale non ha niente, ma posso vantarmi di essere sempre stata onesta e sincera nell'esprimere le mie opinioni. E con questo chiudo qui il discorso.
La rete, talvolta, produce iniziative meritevoli. A volte i progetti migliori nascono proprio da scambi inconsapevoli. Giunge la proposta, poi il rilancio, e infine la frenesia derivante dall'idea di stare facendo qualcosa di buono, per cui vale la pena spendere energie. Succede così, per caso, anche l'ultima iniziativa scaturita dalle menti di alcuni blogger letterari italiani. Un infelice epilogo ha troncato la possibilità di far evolvere un progetto grezzo in un'iniziativa dall'interessante intento: scoprire e analizzare l'influenza dei blogger sul mercato libraio.

L'iniziativa sorge dopo alcune discussioni successive alla fiera della piccola e media editoria di Roma, Più libri più liberi. In una tavola rotonda alla quale erano presenti alcuni blogger e giornalisti, l'AIE presenta la propria zoppicante ricerca di mercato. Si è pensato quindi di rilanciare l'idea, facendola scaturire "dal basso". I blogger stessi che cercano di definire la propria importanza e il proprio valore all'interno di quel girone infernale che è l'editoria italiana. In data 16 gennaio il progetto ha mosso i primi, timidi passi. Ne è scaturito un vivace gruppo su facebook, teso al coordinamento interno, nel quale sono stati invitati alla partecipazione circa un centinaio di blog (numero che si sarebbe ampliato significativamente nell'"ideale", e ormai irrealizzabile, secondo test).

Le modalità di partecipazione erano semplici: scrivere e pubblicare una segnalazione/recensione de Il Canto del Cielo (Beat, 2012), romanzo scelto perché considerato un ottimo esempio di letteratura, nominato come Best British Book of the Last 25 years e apprezzato a tal punto in suolo britannico da trarne anche una serie targata BBC. In nessun caso, è bene specificarlo, è stata richiesta la pubblicazione di una recensione falsata, dichiaratamente positiva quand'anche il recensore avesse espresso il proprio giudizio negativo all'opera. Non sono state prese in considerazione le recensioni negative - che rappresentavano l'1% del totale e sarebbero state ugualmente pubblicate per correttezza e trasparenza alla fine del periodo stabilito, ovvero dal 15 febbraio - perché lo scopo di questo studio di settore (nella sua fase embrionale e sperimentale) era valutare il peso della valutazione positiva (sincera e non condizionata) dei blogger sull'andamento delle vendite. L'analisi dell'impatto di giudizi discordanti e spesso sfavorevoli riguardo un determinato romanzo sarebbe stato il punto focale della seconda parte del progetto. Lo scopo delle segnalazioni, invece, era rendere consapevole il lettore della presenza de Il Canto del Cielo in libreria, giacché era stato ampiamente ignorato dal pubblico e dalla critica sul web.

I blogger hanno stabilito un periodo limitato di tempo nel quale pubblicare gli articoli nei rispettivi blog al termine del quale, in collaborazione con la casa editrice, analizzare l'andamento delle vendite de Il Canto del Cielo nel mese precedente, corrente e successiva all'iniziativa. Dati che sarebbero stati resi noti da tutti i blogger partecipanti se non fossero intervenute cause esterne che hanno impedito il completamento e la riuscita del progetto.

Il sentimento comune, tra i promotori del progetto, è quello di amaro disappunto e dispiacere per aver visto travisare, pur dopo attente e lunghe spiegazioni, lo scopo del progetto. A causa di notizie distorte, successivamente utilizzate per screditare una iniziativa che aveva come unico scopo quello di verificare l'ascendente dei blogger sulle variazioni di mercato, è stato vanificato il lavoro di moltissime persone, che hanno visto andarsene ore di lavoro senza poterne apprezzare il risultato finale. Ci lascia interdetti la poca professionalità di alcuni, che senza interpellare gli organizzatori dell'esperimento si sono sentiti in dovere di informare i lettori riguardo un'iniziativa che a loro dire ledeva la fiducia necessaria in un rapporto lettore/blogger probabilmente per fini pubblicitari e per fomentare un sensazionalismo che, fatto in mala fede, danneggia la blogosfera.

Non intendiamo raccogliere alcuna provocazione o dare adito a sterili discussioni demagogiche; ci auguriamo inoltre che i lettori dei nostri blog capiscano e comprendano le buone intenzioni sottese alla nostra iniziativa. Garantiamo per l'assoluta onestà di qualunque recensione pubblicata riguardo il romanzo sopracitato. Qualsiasi altro chiarimento verrà comunicato, eventualmente, tramite un altro comunicato stampa, diffuso dai partecipanti.

22 commenti:

Sarah ha detto...

Il progetto era bellissimo e vi faceva anche onore! Non dovevate interromperlo per colpa di una tizia (o tizio) con manie di protagonismo. C'è gente che non ha una vita e si diverte a rovinare quella degli altri. Che stupidi.

Sarah ha detto...

Ah, e poi i lettori mica son scemi, lo capiscono quando un blog è serio o no.

Silvia Leggiamo ha detto...

Ciao Saretta,
la penso come te, se uno m'infanga io l'infango 100 volte di più! Ma quando in un progetto sono coinvolti quasi 100 blog non si può decidere per sè. Credo cmq che "l'esperimento" non sia del tutto fallito. A me nessuno ha puntato una pistola alla testa per leggere Un Canto del Cielo, sono felicissima di averlo fatto, mi è piaciuto ( e i difetti che ho riscontrati li ho anche riportati nella recensione) e mi sono vista pure lo sceneggiato su cui ho versato più veleno del mio solito. Quindi?! A chi avrei lisciato il pelo?
Il punto è che pur di non sollevare polveroni si è preferito smorzare i toni da subito. Ci sono persone che se non vogliono sentire non c'è verso di farle ragionare! Pazienza. Io nella forza dei blog credo ancora, e come dici tu, un lettore lo capisce quando un blog è serio e da giudizi spassionati e sinceri!

Fra ha detto...

Io seguo pochi blog, ma quelli che seguo e a cui sono affezionata so benissimo come lavorano e la passione che ci mettono.
Silvia ti dico solo una cosa: fregatene! e come te tutti gli altri!

Silvia Leggiamo ha detto...

Grazie anche a te Fra, tranquilla, figurati se mi metto dei problemi. Ho aperto il sito nel 2004 quando i blog erano una manciata e le case editrici non fumavano nessuno... di certo non avevo manie di protagonismo e meno che mai le ho adesso. Mi piace solo leggere e dire la mia, nel bene e nel male (e mi piace conoscere le opinioni degli altri), e a volte la mia sincerità nel recensire non è proprio stata premiata! Ma va bene così. Io vado avanti per la mia strada! Sapessi quanti sassolini vorrei togliermi dalle scarpe, ma non mi piace fare scene da mercato, quindi penso a me. E pace ^^

Giada ha detto...

Silvietta, ormai ti seguo e ti conosco da tanti anni e so bene che mai ti sei fatta influenzare nelle tue recensioni. O hai comunque cercato di convincere gli altri a pensarla come te, ci mancherebbe. I tuoi sono sempre stati dei consigli sinceri e, avendo letto la recensione del libro di cui si parla, posso affermare che mi sia sembrata del tutto onesta. Per cui ora non capisco perchè sollevare un'inutile polemica su quello che forse è stato chiamato erroneamente "esperimento", perchè la gente a volte è ottusa e pensa subito a cavie da laboratorio. Ma se ci bombardano di pubblicità, anche subliminale, non diciamo niente... ormai siamo abituati. A quanto pare è la novità che spaventa, per quello non si va mai avanti.
Non penso che la gente sia stupida, sono sicura che molti sono come me, magari leggono diverse recensioni, ma si fidano solo di uno, due blog. Perchè? Perchè col tempo capisci quale blogger rispecchia di più i tuoi gusti e capisci anche di chi ti puoi fidare. E sinceramente dubito che un blog rinneghi completamente i propri gusti letterari per un libro.
Ragion per cui trovo questo esperimento "innocuo", non tradisce la fiducia dei lettori e di sicuro non c'è da sentirsi indignati e cavolate varie.
Silvietta continua sulla tua strada che sei la migliore ♥♥♥

Silvia Leggiamo ha detto...

Giadina grazieeeee!
ma sai che pensavo proprio la stessa cosa. Ci fregano quotidianamente e non diciamo niente e poi vogliamo vedere la fregatura dove non c'è. In tv consigliano libri "dietro compenso", ma mica corriamo a comprarli il giorno dopo. E mica ci sentiamo sfruttati. Abbiamo o no una testa per ragionare? Io non ho mai pensato che i miei lettori fossero degli stupidi.
P.S. Boicottano addirittura il palinsesto televisivo per non compromettere gli ascolti di San Remo, e lo so che non c'azzecca niente, ma a me sono queste le cose che sconvolgono! Non dei blog che cercano di unire le loro forze per parlare di un libro che non meritava di passare in sordina.
Ma hai ragione. La gente sente "esperimento" e l'associa a cavia, topo da laboratorio. Ma ci vuole anche un notevole sforzo cerebrale per partorire simili ragionamenti!

Giada ha detto...

Ma sì, per fortuna prima di acquistare un libro ci penso, non corro in libreria solo perchè tizio e caio dicono che il libro è bello (ci vado solo se me lo consigli tu *___*).
E non ho un blog di libri coinvolto nell'esperimento e non mi ha mandato nessuno ad appoggiarlo. Dico solo quello che penso perchè fortunamtamente il cervello mi funziona ancora.

Giada ha detto...

Inoltre vorrei dire che i topi da laboratorio, mi sembrano quelli che adesso fanno gli indignati perchè ritengono che sia stata lesa la loro libertà di scelta. Tutta questa indignazione perchè se minimamente si attenta alla libertà dell'individuo, allora bisogna sollevare un polverone. Ma è favvero così? A me sembra solo che una persona dice agli altri che stanno venendo presi in giro e ovviamente i topi ci credono e le vanno dietro senza nemmeno cercare di capire. Per carità...

Silvia Leggiamo ha detto...

Ma scusa se in 90 ci mettiamo per strada a cantare la Pausini, tutti vanno a comprare i suoi dischi? Magari uno può incuriosirsi, informarsi, scoprire che potrebbe piacergli... ma dov'è il problema? Io non lo vedo, sono scema?
E non capisco come si possa godere nell'infagare gli altri, senza nemmeno prendere in considerazione la buona fede delle persone.
Va be', pensiamo alla nostra prossima lettura, mi sembra una rgomento più interessante!

Fra ha detto...

Ahahah! Sì pensiamo a cose serie. Io mi butterò su un classico credo.

Silvia Leggiamo ha detto...

A me è venuta voglia di Zafon e ho riesumato dalla libreria proprio un suo libro!

Sarah ha detto...

Ok, all'inizio ero sconcertata, ma devo dire che adesso sono mooolto più tranquilla. Ho letto in giro queste fantomatiche accuse e sono così acide e velenose, al limite della cattiveria, che non credo possano essere prese seriamente.
Apprezzo comunque tanto che hai deciso di recensire il libro.

Silvia Leggiamo ha detto...

Be' se non l'avessi voluto leggere sarei andata sì contro me stessa. Io segnalazioni "singole" ne sto facendo sempre meno, se non per libri di futura uscita, e cmq cerco di racchiudere in un post più titoli. Tu mi segui da tanto e sai che nasco come sito e non come blog... ma va be', questo è un altro discorso, ognuno fa nel suo spazio virtuale quello che vuole, fatto sta che non avrei saputo come "presentarlo".
Ci dovevo mettere il naso tra le pagine per forza (ah, il libro non l'ho avuto dalla cs per la cronaca) e non ne è nemmeno uscita una recensione a 5 stelle, ma "mia al 100%"
:3

Fra ha detto...

Bravissima! Sua tua serietà non ho mai avuto dubbi!

Fra ha detto...

sulla*

Silvia Leggiamo ha detto...

Grazie Fra, lo so, non me lo devi nemmeno scrivere.
Anzi mi scuso se sono sembrata un po' esagitata (e per i paragoni un po' azzardati xD), ma ti giuro, secondo me mi era salita la pressione, perchè certe insinuazioni non mi appartengono proprio.
Ovviamente parlo e parlavo solo per me, non mi voglio fare portavoce, avvocato o difensore di nessuno se non di me stessa.

Silvia Leggiamo ha detto...

Emh rilancio i commenti, chiuderli a 17 mi sa che porta sfiga xD

Fra ha detto...

Però tra quei 90 blog qualcuno ha toppato di brutto. Ma non c'era un moderatore?

Silvia Leggiamo ha detto...

Guarda Fra per questo dico che io parlo per me. Mi sono particolarmente scaldata all'inizio, ma poi le cose scemano, ci si pensa anche su.
Probabilmente qualcosa non è andato (un po' di outing non fa male a nessuno), io di questi 90 blog molti nemmeno li conoscevo e molti altri probabilmente non li conosco ancora! Ma non per cattiveria, è che ho proprio altro da fare durante il giorno xD
Cmq pace, è andata così, mi tengo i miei sassi nelle scarpe e passo oltre.

Silvia Leggiamo ha detto...

P.S. Ma quando ti iscrivi a blogger/google o quello che è??? xD

Fra ha detto...

Probabilmente mai! Ahahhaha!
Salvo ancora tra i preferiti i miei link, sono antiquata vero?!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...