22 maggio 2014

Parola d'ordine "passione"

Questo post è un po' assurdo me ne rendo conto, ma se non condivido qui sul blog quello che mi passa per la testa con chi lo faccio? Ma sarò breve, tranquilli.
In pratica gironzolavo su anobii, alla ricerca dell'ultimo romanzo uscito di Diana Palmer, Come Sabbia tra le Dita (questo), e non ho potuto fare a meno di notare i picchi di fantasia che caratterizzano la maggior parte dei titoli di questa autrice.
Mi viene la nausea.
Sì, sono brutale lo so, ma non mi stancherò mai di dire come certe copertine - e a questo punto anche certi titoli - possano svilire un'opera. Poi magari questi libri si meritano i titoli che si ritrovano, ci mancherebbe (della Palmer ho letto solo "La Legge del Silenzio" e non mi fece impazzire), ma se fosse il contrario? Di sicuro nell'elenco che riporto qui sotto ci sarà pure una storia più meritevole di un'altra, ma a colpo d'occhio sembrano tutte uguali e la parola d'ordine è una sola: passione. °_°

  
Agli Ordini della Passione
Passione Proibita
Rosso Passione

  
Passione Irrefrenabile
Dolce Passione
Prima della Passione

  
Passione Bruciante
Passione Pericolosa
Tra Orgoglio e Passione

  
Passione Selvaggia
Impeto di Passione
Scintille di Passione

  
Dire sì alla Passione
I Colori della Passione
Tempesta di Passioni

 
Passione a Fior di Pelle
Una donna, una Passione

* * *


Come Sabbia tra le Dita è la ristampa di Passione Proibita 
(e non credo serva dirvi quale dei due titoli preferisco)
e se non sbaglio è anche il seguito de La Legge del Silenzio.


Fine dello sproloquio! ^^

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Mah! Ho letto solo un libro della Palmer, non chiedermi quale, e credo che anche se cambiassero titoli e copertine, non rileggerei proprio nulla di questa autrice, non mi spiego proprio il suo gran successo.

Marta

Silvia Leggiamo ha detto...

Ciao Marta,
io posso dire di non conoscerla per niente, so solo che la vedo ovunque e penso che qualcosa di buono dovrà pur aver scritto. No? Ok, forse no xD
Prendi Nora Roberts. Pubblica in quantità industriale, ma in molti suoi libri c'è della qualità.
Comunque non voglio addentrarmi in territori che non ho esplorato, mi hanno solo sconvolta i titoli tutti uguali xD

Alice ha detto...

Ciao Silvia!
Avrei potuto scriverlo io il tuo post!!! :D
Anch'io ho notato questa cosa dei titoli della Palmer, nove volte su dieci c'è la parola passione! Viva la fantasia! Hahahaha!!!

Per le copertine, nei romanzi rosa si vede decisamente di peggio.

Come autrice non mi dispiace, ne avrò letti una decina e alcuni mi sono piaciuti altri così così. Diciamo che segue una struttura abbastanza fissa: lei giovane ed ingenua, lui navigato e maturo, miriadi di incomprensioni e fraintendimenti, lieto fine. Quindi se ti piace il genere, vai sul sicuro. Altrimenti la eviti.

Però il nome di chi sceglie i titoli lo vorrei proprio sapere!!!! XD

Silvia Leggiamo ha detto...

Ciao Alice, hai ragione sulle copertine niente da dire, considerando certi scempi che l'editoria ci ha propinato.

Il canovaccio della Palmer è sicuramente old-style, mi verrebbe da dire che non va più di moda, ma non nego che un libro scritto bene può piacere anche con suddette caratteristiche.
Non lo so. Non è che mi convinta del tutto a dire il vero, ma Come Sabbia tra le Dita lo leggerò e poi emetterò la sentenza. :P

Mr Ink ha detto...

ahahahahahahhahahahahahahhahah :°D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...