25 marzo 2022

Due "libri da comodino" che non si possono non avere in libreria!

É da un bel po' di mesi che ho limitato l'acquisto dei romanzi perché ne ho davvero tanti, sento invece sempre fortissimo il bisogno di fumetti, saggi, testi divulgativi, #libridacomodino. Quelli li mangio come il pane e non possono mancarmi.

Quando nella sezione #offerte di vari store online ho trovato al 70% questo cofanetto di 4 libri (🤑 € 9,90 anziché € 33,00), ci ho pensato zero secondi a metterlo nel carrello.

 

"Serialmente" ti fa fare un nostalgico viaggio nel tempo tra le serie tv degli anni Cinquanta fino a quelle del 2000.

Graficamente è molto accattivante, le pagine sembrano dei dossier. Da una parte la scheda della #serietv con trama, foto e curiosità, dall'altra "che fine hanno fatto?", per scoprire come se la passano gli attori. Bisogna tenere conto che si tratta di una pubblicazione del 2010 quindi le info non sono aggiornatissime, tranne per chi a quel tempo era già morto 😅

Edizione fighissima, ma anche un pelo “paracula” 🤣
Mancano all'appello delle serie tv? Ci viene detto "la scelta è stata discrezionale, non siete d'accordo? Scrivetelo voi il libro" Emh... noi saremmo quelli che l'hanno pagato (anche se scontato 😅).
Manca a volte la data della messa in onda in Italia? "Noi abbiamo fatto del nostro meglio ma non sempre siamo riusciti a reperire informazioni".
Vabbè, in fondo l'opera non ambisce a essere (e cito nuovamente) "un'enciclopedia esaustiva, ma solo a soddisfare la curiosità dei lettori". E devo dire che è proprio quello che fa!



❓La vostra vecchia serie tv preferita?


Altro giro altro (auto)regalo


Questo libro propone una ricostruzione puntuale e completa - in ordine cronologico - di TUTTA la vita di Indiana Jones. Ricostruzione che è stata fatta non solo attingendo dai quattro celebri film, ma anche dalla serie tv (ideata sempre da George Lucas), dai romanzi e dai fumetti.

In una parola:
🤩 BEL-LIS-SI-MO!

Ho rivissuto emozioni e scoperto cose che ignoravo, è stato un viaggio incredibile, reso ancor più memorabile dall'apparato grafico.

Alcune curiosità su Indiana 🐍
📍il 15 aprile 1912 era a bordo del Titanic con la madre e la tutrice. Ovviamente si è salvato (Jack, impara 🖕🏻)

📍ha incontrato lo scrittore Lev Tolstoj, l'aviatrice Amelia Earhart, l'ex presidente Roosevelt, Al Capone e pure Mata Hari con cui ha un flirt 😏

📍le varie ricerche l'hanno portato sulle tracce del vello d'oro e della Pietra Filosofale.

📍ama leggere i romanzi di Sherlock Holmes e suonare il sassofono.

Nel libro ci sono inoltre una serie di chicche tipo l'analisi dell'abbigliamento di Indy, tutto il merchandising che ha ruotato intorno al suo personaggio (pupazzi, lego, videogames --> io adoravo Fate of Atlantis!), i dietro le quinte e una prefazione scritta da Shia LaBeouf.

‼️Attenzione‼️
(Continua a leggere solo se sei del team #povertànontitemo)

🤑 Su Libraccio lo trovate (per il momento) nella sezione usato a € 12,15 anziché € 22,50, ma scommetto che vi arriverà come nuovo. La mia copia era addirittura incellophanata!




❓Quale film preferisci di Indiana Jones?
(Io fan del tempio maledetto… ai sacrifici umani non resistito!)


23 febbraio 2022

Book Haul #povertànontitemo


Ultimamente #povertànontitemo non è solo un credo, ma una vera e propria necessità (il dentista mi ha svenata 💸), per fortuna i mercatini e gli sconti possono regalare grandi gioie, altrimenti sai che tristezza?!?

Vediamo cosa ho preso di recente 🤑
A partire dal basso👇🏻

| Leg Edizioni, 2016 |
Un po' di talento, sfacciataggine e nemmeno una goccia di sangue sparsa: i geni del crimine sono spesso dei solitari, ma sempre pieni di fantasia. Per vari decenni a George C. Parker riesce l'impresa di vendere ad alcuni ricchi (ma ingenui) uomini d'affari la statua della Libertà, il Metropolitan Museum of Art, il Madison Square Garden e il ponte di Brooklyn. Da parte sua, lo svaligiatore Vrejan Tomic sottrae cinque capolavori dal Musée d'Art Moderne di Parigi: qualcuno aveva forse lasciato la finestra aperta? Albert Spaggiari inanella a ritmo sfrenato una serie di rapine, evasioni, vendite di armi... Una leggenda che appartiene solo a lui. Latitanze incredibili, ruberie strabilianti, evasioni spettacolari... Questo libro passa in rassegna i furti più stupefacenti dei secoli XX e XXI, dalle periferie di Tokyo a Nizza, da Baghdad a Oslo. Un viaggio a spron battuto in compagnia degli imbroglioni più geniali del mondo.

📍 L’arte de crimine in 100 mappe mi ha gasata tantissimo! Un atlante sulle truffe mi mancava 😂 e alcune sono così incredibili che ci si inchina davanti al genio di chi le ha ideate.
L’ho preso a metà prezzo, ma in questo momento è disponibile su Amazon con lo sconto del 60% (€ 8,80 anziché 22,00). UN AFFARONE!


| Edizioni Mondadori Electa |
"Warhol. Come non lo hai mai visto" è il primo di una serie dedicata ai grandi artisti del Novecento che vuole narrarne gli episodi artistico-biografici tramite un approccio nuovo: il racconto visivo. Gli aneddoti salienti della vita di Warhol sono tutti illustrati con una grafica che richiama il fumetto, di cui Warhol è il protagonista. L'artista appare, attraverso i testi di Catherine Ingram e i disegni realizzati ad hoc da Andrew Rae, come un personaggio animato di cui seguire le vicende personali: situazioni e avvenimenti che sono rigorosamente il frutto di una ricostruzione e ricerca storica. Il libro procede cronologicamente, dall'infanzia a Pittsburgh e il rapporto quasi morboso con la madre, alla nascita del marchio Warhol, dal rapporto con la fede a quello con il tempo che passa e con la morte, dalle feste degli sfavillanti anni '70 ai film, alle fotografie e alla pubblicità, per arrivare alle ossessioni quasi maniacali di cui Warhol era vittima. Diventa così immediato, attraverso un ritratto biografico visuale ed estremamente dettagliato, comprendere la genesi e l'influenza delle sue opere (in parte riprodotte anche nel libro). Il racconto del testo ci restituisce, confermandola, l'immagine di un personaggio estremamente contemporaneo per il suo tempo, con indiscutibili doti di precursore. Anche in un confronto con la nostra epoca, basti pensare alla moda dei selfie...
📍 Wharol e Matisse della collana “come non lo hai mai visto” vanno a fare compagnia a Dalì e Van Gogh. Adoro soprattutto il primo perché le illustrazioni di Andrew Rae sono super comunicative e fanno davvero la differenza. Che bello scoprire le persone prima ancora degli artisti 😍

👉 Puoi acquistarli su Amazon a questi link: 
- Wharol come non lo hai mai visto
- Matisse come non lo hai mai visto

| Neri Pozza, 2007 |
"Queste storie vanno considerate piéces notturne... amorali, vendicative e imperdonabili... Sette storie scritte per disturbare e provocare. Voglio costringere i miei lettori a ritornare sui clichés della sessualità e della violenza per riviverli e ripensarli": così Patricia Duncker ha descritto lo scopo di queste sette storie di sesso e morte. E non vi sono parole migliori di queste per illuminare il contenuto di questo libro: un viaggio nel lato oscuro della corporeità e della sessualità. Perversione e potere, piacere e morte sono i temi di questa raccolta, temi antichi ma illuminati da una luce nuova: l'inquietante atmosfera di tranquilla decadenza che costituisce lo spirito del nostro tempo.

📍 Sette Storie di Sesso e Morte l’ho trovato al mercatino a 3 euro… avrei potuto resistere a sette storie di sesso, ma se di mezzo c’è pure la morte ciao, acquisto obbligato 😅🤪


| Piemme, 2012 |
"Il corpo che abiti una volta era mio". Inizia con queste parole la lettera che la ragazza si ritrova in tasca quando si sveglia in un parco di Londra. Completamente priva di memoria, coperta di lividi e circondata da corpi che giacciono a terra immobili con indosso guanti di lattice. La lettera la informa che il corpo in cui si ritrova si chiama Myfanwy Alice Thomas, e che ereditarlo comporta una serie di problemi, responsabilità e poteri, come quello di interagire con il pensiero sui sensi di altri esseri umani. Non è costretta a vivere quella vita: se sceglie una delle due chiavi contenute nella busta, può aprire una cassetta di sicurezza dove troverà tutto il necessario per partire e cambiare identità. Ma se sceglie l'altra chiave, ricostruirà e vivrà passo passo la vita di Myfanwy Thomas, membro di un'organizzazione segreta chiamata "Scacchiere", che tiene sotto controllo tutti i fenomeni paranormali. Un'organizzazione che rischia di essere scossa alle fondamenta da un tradimento, e dove qualcuno vuole la morte dell'agente Myfanwy Thomas.

📍 la Regina di Daniel O’Malley è un fanta thriller dal sottotitolo irresistibile: il corpo che abiti una volta era mio.
Io così: 😍😱
Anche lui viene dal mercatino dell’usato (3 euro!), ma online è scontato un po’ ovunque al 50% (€ 9,96 anziché € 19,90). Penso proprio che sarà la mia prossima lettura 😎

👉 Puoi acquistarlo su Amazon a questo link.


💰 Facendo una botta di conti 5 libri a € 27,44 anziché € 86,70.
Mi sento potente 💪🏻

Vi ispira qualcosa?

9 febbraio 2022

La Storia del Mondo in 25 Città

 Buongiorno lettori, oggi nuovo post e quello che vi mostro è uno di quei libri destinati a vivere in eterno e a essere sfogliati all'infinito.

La geografia e la storia vi hanno sempre annoiato? Probabilmente non avete letto La Storia del Mondo in 25 Città. Ma tranquilli... non è mai troppo tardi per rimediare 😎

La Storia del Mondo in 25 Città

| Nord-Sud; Illustrated edizione, 11/2021 | pag. 112 | € 19,90 |
10.000 anni di storia del mondo. Un viaggio nello spazio e nel tempo per raccontare, attraverso 25 straordinarie mappe, l'evoluzione della civiltà umana. Le mappe di ogni città racchiudono in sé storie e leggende ricche di fascino sui luoghi e sulle persone che li hanno abitati. Tra le pagine di questo libro assisterai alla nascita della democrazia sull'Acropoli di Atene, passeggerai per le strade affollate di New York, ti immergerai nei misteri della Città Proibita nella Pechino imperiale. Percorrendo le mura dell'antica Gerico e scalando la cima dei futuristici grattacieli di Tokyo, scoprirai come le città possano testimoniare molto del nostro passato e ispirarci a costruire un futuro migliore. Uno straordinario volume illustrato, realizzato sotto la supervisione dei più illustri curatori del British Museum, racconta la meravigliosa storia del mondo e degli uomini attraverso 25 mappe piene di dettagli, curiosità e notizie che affascineranno i lettori di tutte le età. Gerico, Menfi, Atene, Xianyang, Roma, Costantinopoli, Baghdad, Jórvík, Pechino, Granada, Venezia, Benin City, Cuzco, Tenochtitlán, Delhi, Amsterdam, Parigi, Sydney, Bangkok, Londra, San Pietroburgo, New York, Berlino, San Francisco, Tokyo, Città di oggi, Città di domani.

Voto:

Quando un albo unisce una grafica pazzesca alla divulgazione io vado letteralmente fuori di testa 🤩Mi è bastato sfogliare poche pagine della Storia del Mondo in 25 Città che era già diventato uno dei libri preferiti.
Se un po' mi conoscete avrete capito subito che è tanto tanto "mio", ma anche tanto tanto "vostro", o almeno di quella fetta di persone che come me subisce il fascino dei libri illustrati.

Ma vediamo di cosa tratta 🤓

📍Partenza: Gerico (8500 A.C.)
📍Arrivo: Tokyo (giorni nostri)
📍Si passa per: Costantinopoli, Pechino, Venezia, Cuzco, Bangkok, San Pietroburgo e molte altre città.

✈️ Un viaggio nel tempo e nello spazio lungo diecimila anni che ci permetterà di scoprire come l'uomo ha plasmato le città e come le città hanno a loro volta plasmato il mondo.

Ogni luogo è raccontato attraverso una mappa su due pagine più altre due con curiosità e approfondimenti.
Libby VanderPloeg in questo è stata eccezionale. Figure stilizzate, dettagli che non ci si stanca mai di andare a cercare e colori nitidi, pieni, vivi, linee pulite e un tocco di ironia che guasta mai.

Il testo è stato curato da Tracey Turner e Andrew Donkin e il tutto è supervisionato dai più illustri curatori del British Museum. Come si dice a casa mia "mica pizza e fichi".

Dire altro credo sia superfluo, le immagini parlano da sole, adesso tocca solo a voi decidere se imbarcarvi o meno in questo viaggio.
Il biglietto costa solo € 19,90 e direi che ne vale assolutamente la pena!



#gifted @salani_editore


Acquista su Amazon

Commento: La Casa Senza Ricordi di Donato Carrisi

Ormai è una tradizione. A Natale si regala Carrisi, a Natale si riceve Carrisi, dopo Natale si legge Carrisi.
Purtroppo questa volta però le cose non sono andate benissimo, quindi sarò breve... 

La Casa Senza Ricordi

Longanesi, 29/11/2021 | pag. 400 | € 22,00 |

Un bambino senza memoria viene ritrovato in un bosco della Valle dell’Inferno, quando tutti ormai avevano perso le speranze. Nico ha dodici anni e sembra stare bene: qualcuno l’ha nutrito, l’ha vestito, si è preso cura di lui. Ma è impossibile capire chi sia stato, perché Nico non parla. La sua coscienza è una casa buia e in apparenza inviolabile. L’unico in grado di risvegliarlo è l’addormentatore di bambini. Pietro Gerber, il miglior ipnotista di Firenze, viene chiamato a esplorare la mente di Nico, per scoprire quale sia la sua storia. E per quanto sembri impossibile, Gerber ce la fa. Riesce a individuare un innesco – un gesto, una combinazione di parole – che fa scattare qualcosa dentro Nico. Ma quando la voce del bambino inizia a raccontare una storia, Pietro Gerber comprende di aver spalancato le porte di una stanza dimenticata. L’ipnotista capisce di non aver molto tempo per salvare Nico, e presto si trova intrappolato in una selva di illusioni e inganni. Perché la voce sotto ipnosi è quella del bambino. Ma la storia che racconta non appartiene a lui.

Voto:


Quando a deluderti è uno dei tuoi autori preferiti il crack che senti fare al tuo cuore è bello forte. E fa pure malino 💔

Ho iniziato il 2022 con un romanzo di Carrisi, convinta che in un paio di giorni l’avrei finito e invece ho arrancato per più di una settimana. Mai successo 😶

Scorrevole ok, ma non basta.
Un thriller deve avere mordente, ti deve “prendere”, invece #LaCasaSenzaRicordi è palesemente un libro di passaggio: la trama non ha alcun tipo di risvolto concreto e i colpi di scena non mi hanno fatto minimamente sobbalzare (anche perché ok giocare con l’ipnosi una volta, due, pure tre… ma poi basta!).

Non mi ha infastidito il finale aperto, ma che nessun nodo sia venuto al pettine, che le parti più interessanti non siano state adeguatamente sviluppate (e spiegate!), così sono arrivata in fondo con un senso di vuoto e frustrazione mai provato prima 😓
Perché Carrisi, nel bene e nel male, mi ha sempre regalato un’emozione, un qualcosa a cui aggrapparmi che mi portava a sfogliare le pagine in modo compulsivo; non trovare niente di tutto questo è stato lo shock più grande di questa lettura, probabilmente l’unico vero e inaspettato colpo di scena 😳😳😳

Non aggiungo altro… lascio la parola a voi 🤭😬

❓avete già letto La Casa Senza Ricordi?

Acquista su Amazon

 

7 dicembre 2021

C'Era Due Volte di Franck Thilliez - Sezione Spoiler

 

Hai letto C'Era Due Volte di Franck THilliez
e vuoi discutere del finale?
Direi che sei nel posto giusto!


S P O I L E R


ATTENZIONE!!!
I COMMENTI CONTENGONO SPOILER!


Per la recensione spoiler free clicca qui

Recensione, C'ERA DUE VOLTE di Franck Thilliez

Mamma mia, credo che i romanzi di Thilliez siano tra quelli che attendo maggiormente ogni anno; da questo autore non so mai cosa aspettarmi e la curiosità di scoprire cosa ha in serbo per noi lettori mi divora sempre, motivo per cui C'era Due Volte non l'ho lasciato sul comodino a prendere polvere, ma l'ho letto subito.
Bello. Bello, ma con delle riserve che potrebbero annullarsi in previsione di un terzo libro. In questo caso il voto potrebbe aumentare vertiginosamente, ma se Thilliez avesse deciso di fermarsi qui - ahi ahi - confermo le tre stelle e mezzo. Nel post vi dico perché...

C'era Due Volte di Franck Thilliez

| Fazi, 2021 - pag. 500 |
Nel 2008, in un piccolo paese di montagna, il tenente Gabriel Moscato è alla disperata ricerca della figlia, diciassettenne piena di vita scomparsa da un mese. Uniche tracce la sua bicicletta, i segni di una frenata e poi più nulla. Deciso a indagare sull’hotel due stelle dove la ragazza aveva lavorato l’estate precedente, Moscato si stabilisce nella stanza 29, al secondo piano, per esaminare il registro degli ospiti. Legge attentamente ogni pagina, prima di addormentarsi, esausto dopo settimane di ricerche infruttuose. All’improvviso, viene svegliato da alcuni suoni attutiti. Quando si avvicina alla finestra, si rende conto che piovono uccelli morti. E ora è nella stanza 7, al pianoterra dell’hotel. Si guarda allo specchio e non si riconosce; si reca alla reception, dove apprende che è il 2020 e che sono dodici anni che sua figlia è scomparsa: la memoria gli ha giocato uno scherzo crudele. Quello stesso giorno il corpo di una giovane donna viene trovato sulla riva del fiume Arve...
Voto:

Leggere un libro di Thilliez, pensare di essere arrivate alla fine con un paio di neuroni ancora integri, e poi scoprire, grazie alle magie dell'autore, che no... non è proprio così. E ormai è tardi, perché con due neuroni rimasti... che ci fai? Ovviamente niente 😐 

In breve. 
Lettura così 🤓😨😱 
Che finisce così 🤯🤯🤯 

C'Era Due Volte è l'ennesimo trucco di uno scrittore che ho sempre amato, ma che sotto sotto sto iniziando a odiare per l'altissimo livello di frustrazione che mi fa toccare. Per fortuna c'è stato il gruppo di lettura (leggasi supporto), un gruppo fatto di lettori più cervellotici, esauriti e visionari di lui 😂, ma almeno non mi sono sentita sola. 

Veniamo al libro.
Da una parte c'è la storia di un padre che cerca disperatamente la figlia scomparsa da anni. L'indagine sembra molto lineare sotto vari punti di vista, è fatta di indizi che portano ad altri indizi, ma è anche una vera e propria discesa verso gli inferi, un viaggio nel male il cui punto di arrivo credo sia impossibile anche solo immaginare. La cosa più sconvolgente è che Thilliez parla di cose reali, ed è quanto di più agghiacciante e meno etico mi sia mai capitato di leggere. Riassumo il tutto con "disturbante".

Dall'altra parte (😬 e qui arrivano i dolori, le emicranie, le visioni, gli scleri...) c'è il Thilliez mago. Colui che in extremis moltiplica i pezzi del puzzle e li incasina ancora di più. Ha lanciato sassi e nascosto mani. È stato la dea Kali degli inganni. Vi assicuro che leggere Il Manoscritto, a confronto, è stata una passeggiata di salute.
⚠️ Essendo i due libri in qualche modo collegati (potremmo parlare di un libro nel libro, di un effetto matrioska) consiglio non solo di aver letto il Manoscritto… ma anche di ricordarselo 😅 
Veniamo ai puntini sulle “i”. 
Nonostante la storia “principale” si segua benissimo ho trovato alcuni personaggi contestualizzati in modo un po' forzato e situazioni rimaste avvolte nel fumo, ma tutto potrebbe avere un senso, per questo esigo un terzo libro. E non voglio lo spiegone da Thilliez, sia chiaro, solo un filo che mi possa permettere di collegare il tutto senza farmi finire in un reparto di psichiatria.

Chiedo troppo 😅?


Acquista su Amazon



Sezione SPOILER


Se vuoi parlare del romanzo
facendo SPOILER clicca qui.

Recensione, LA MIA PREDILETTA di Romy Hausmann

| Giunti, 2020 - pag. 384 |
In una notte gelida, un'ambulanza porta in ospedale una donna investita da un'auto sul ciglio del bosco. È incosciente e senza documenti. Con lei c'è una bambina dalla pelle bianchissima e gli occhi di un azzurro glaciale. L'unica informazione che riesce a dare su sua madre è che si chiama Lena. A poco a poco, però, lo strano comportamento della piccola insospettisce i medici. Non conosce il suo cognome, né il nome di suo padre, né l'indirizzo di casa: vivono chiusi in una capanna perché «nessuno li deve trovare». E il terrore sale quando la bambina afferma innocentemente, come se fosse la cosa più normale del mondo, che sua madre «ha ucciso per sbaglio papà», ma non serve chiamare la polizia perché hanno lasciato il fratellino Jonathan a ripulire quelle brutte macchie rosse sul tappeto... Appena viene avvisato, il commissario capo Gerd Brühling ha subito un'intuizione: quella donna non può essere che Lena Beck, la figlia del suo migliore amico, scomparsa 14 anni prima. Ma c'è qualcosa di vero in ciò che racconta quella strana bambina? Come ritrovare la capanna, il fratellino e il cadavere del rapitore, se davvero è stato ucciso? All'arrivo dei genitori di Lena in ospedale, una realtà ancora più sconcertante verrà alla luce. E sarà difficile districarsi in questa rete di verità, fantasie infantili, indizi contrastanti.
Voto:

Bomba 💣💥

La Mia Prediletta ha uno dei più grandi pregi che un lettore cerchi in un thriller: si divora!
Personalmente l'ho ingerito senza nemmeno masticarlo, me lo sono goduta, mi sono calata nelle atmosfere disturbate che Romy Hausmann ha portato in scena e nonostante tratti un tema decisamente abusato nel genere - quello dei rapimenti - è permeato da un tale senso di inquietudine che metterlo giù risulta impossibile.

Tutto ha inizio quando una donna e una bambina vengono portate in ospedale in seguito a un incidente e la piccola Hannah, incolume, spiega a un'infermiera che la mamma a volte non è brava, non rispetta le regole e finisce per fare cose strane... tipo cercare di uccidere papà...😐😐😐
Hannah ha dodici anni, ha vissuto l'orrore senza riconoscerlo, e la verità che ci restituisce è distorta, disarmante, terrificante eppure innocente: offrire al lettore il suo pov credo sia stato il vero colpo di genio dell'autrice 💡

Abbiamo però molto altro: un padre che non si arrende alla scomparsa della figlia, una donna che cerca di riaffacciarsi alla vita, e un passato fatto di porte chiuse a chiave e finestre sbarrate dove in pochi metri quadrati qualcuno ha cercato di far nascere un fiore e trasformarlo in un campo di girasoli.

La prima parte, estremamente nera, evocativa, claustrofobica e misteriosa, l'ho preferita alla seconda, ma è normale che con il diramare delle ombre adrenalina ed endorfine calino. La realtà spesso ha un volto fin troppo normale e quando le tessere del puzzle finiscono al loro posto la storia può avere il sapore del già visto. Ma il potere di un buon romanzo a mio avviso non risiede sempre nella trama quanto nel modo in cui questa ci viene svelata. E Romy Hausmann nel farlo è stata straordinaria 🖤

P.S. Super consigliato a chi amato Ellie All'Improvviso.




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...