20 dicembre 2019

La Casa delle Voci di Donato Carrisi - SEZIONE SPOILER

Hai letto La Casa delle Voci di Donato Carrisi
e vuoi discutere del finale?
Direi che sei nel posto giusto!


S P O I L E R La Casa delle Voci



ATTENZIONE!!!
I COMMENTI CONTENGONO SPOILER!

20 commenti:

SilviaLeggiamo ha detto...

Ero indecisa se aprire o meno questa sezione, perché La Casa delle Voci non è un libro dal finale poco chiaro, ma su Instagram ne ho parlato così tanto che eccomi qui.

Se avete dubbi scrivete. Non è detto che abbia la risposta pronta (anche perché col tempo i ricordi sfumeranno) ma l'unione fa la forza!

fascino29 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
fascino29 ha detto...

Come fa Hanna a sapere particolari intimi di Pietro come l'ultima parola che disse suo padre?
Perché Hanna regala al figlio di Pietro un oggetto strettamente legato al caso di Emilian?

SilviaLeggiamo ha detto...

Hanna, come si scoprirà poi alla fine, è una donna decisamente in gamba che ha fatto delle ricerche su Pietro, mettendo insieme tanti tasselli. Gli fa fare lo stesso percorso che ha fatto lei durante la ricerca della verità, e l'ultima parola del padre non la sa, ma la intuisce "tuo padre ti aveva detto un numero, vero?". Dice una cosa del genere.

Erto ha detto...

Perché Hanna/Walker decide di occuparsi di Pietro? Che collegamento c'è tra i due?

Unknown ha detto...

L'unico dubbio che non mi riesco a togliere è...come sapeva Hanna che Pietro era il figlio dei 2 che avevano rapito lei?

Anonimo ha detto...

Erto,
Hanna e Pietro hanno in comune i genitori, per lui sono quelli di sangue che non ha mai conosciuto, per lei le persone che l'hanno cresciuta.
Silvia

Amaranta ha detto...

Non ho capito chi sono Il neri, lucciola e l’altro ragazzo ...

Anonimo ha detto...

Non ho capito chi erano il neri della lucciola e l'altro ragazzo. Oltre al perché Hanna era stata "addestrata" a "morire" (come l'episodio della cassa dove era stata posta)

Unknown ha detto...

Volevo sapere perché il padre del protagonista prima di morire gli dice il numero 10.,e perché questo lo sconvolgerebbe. È rimasto tutto quel tempo, fin da bambino, sotto ipnosi, o avrebbe dovuto scatenare in lui, quel numero il ricordo di quanto emerso sotto ipnosi?

Unknown ha detto...

Non ho capito quando la ipnosi di gerber è iniziata?

Unknown ha detto...

Allora

1- Pietroentra in ipnosi quando compie nove anni con il padre, e ne esce quando davanti all'ultima casa delle voci , in automobile ha il coraggio di continuare il conto alla rovescia che suo padreha iniziato sul punto di morte
2-Piertro, quando il padre gli dice il numero, rimane sconvolto perche capisce di essere sempre stato sotto ipnosi. Adesso tocca a lui a decidere se continuare il conto alla rovescia e scoprireil segreto, che lo rigurda, del Signor B.
solo con il risveglio (Quindi alla fine della conta alla rovescia) Pietro ricorderà cosa il padre gli ha raccontato il giorno del suo nono compleanno
3- E' proprio il Signor B che si mette in contatto con Hanna.
lo si capisce quando la ginecologa porta la foto a Pietro.
Quando Hanna, a 10 anni , è stata ritrovata ha fatto molto scalpore mediatico,sopratutto in toscana,quindi il Signor B sapeva molto bene come poter rintracciarla anni dopo. Gli raconta cosa è accaduto in quella notte di tempesta il 22 Ottobre di tanti anni prima.Ha lasciato a lei il compito di dire la verità a Pietro visto che lui non ne aveva il coraggio.
Lei curiosa di conoscere il vero figlio di quelli che lei chiama ancora mammma e papà, va in Toscana e indaga su Pietro, parlando anche con delle ex fiamme del later lover...
4- Lo stesso Pierto racconta tanti dettagli ad hanna, quando era ancora convinto di parlare con la sua collega australiana Teresa Walker, come sul caso di Emiliam...
5- Neri, Vitello e Lucciola erano ex pazzienti dell' ospedale San Salvi, poi messi in libertà quando, quelle strutture, con un a legge sono state tutte chiuse.
I tre avevano visto fuggire Tommaso e Mari con un fagotto che poi hanno messo in una cassa, credendo così che fosse veramente un tesoro...
6- E' il signor B che spedisce la foto di Pietro da neonato. Poi Hanna la lascia nella cassetta della posta della donna che ha assistito al parto la povera Mari

Anonimo ha detto...

Ho alcune domande:
- Quindi il signor B. mette sotto in ipnosi suo figlio per raccontargli il segreto, ossia "che lui non era il loro vero figlio"? Oppure nell'ipnosi non è poi riuscito a raccontarglielo?
- Quindi nel mentre che faceva la sua vita con Silvia, e il suo lavoro come addormentatore di bambini, era ancora sotto ipnosi? Come faceva ad essere ancora sotto ipnosi e a condurre comunque la vita di tutti i giorni?

Grazie

Unknown ha detto...

Non è stato tutti quegli anni sotto ipnosi, è tutto il romanzo che si svolge sotto ipnosi, e alla fine si sveglia, viene svegliato dalla dottoressa Walter.

Unknown ha detto...

Scusate io adesso ho finito di leggere il libro e mi ha preso tantissimo. Ma un punto non mi è chiaro: pietro è stato in ipnosi solo per un aspetto della sua vita(legato al passato), ma nel frattempo lavorava si era sposato e aveva avuto un figlio oppure x tutto il romanzo è alla fine il racconto di un uomo in ipnosi...quindi tutti gli aspetti della sua vita lavorativa e sentimentale sono costruzioni della sua mente e si sveglia alla fine? Grazie

Unknown ha detto...

In pratica quel che voglio dire è: il romanzo dall'inizio è la storia di un ipnosi e quel che vediamo e seguiamo sono tutti frammenti e sfumature che pietro comincia a mettere insieme grazie agli input che gli arrivano da Hanna? Ma in realtà non ci sta alcuna moglie, alcun figlio ( mi colpisce il ricordo di un pietro incallito sciupafemmine) e forse magari quella della moglie e del figlio erano solo proiezioni costruite nella sua mente? Grazie a chi mi risponderà

Anonimo ha detto...

Il finale è evidentemente aperto a tante soluzioni. Da un lato dubito che quello che abbiamo letto nel libro sia tutto costruito nella testa di Pietro ma dall'altro è anche strano il fatto che la moglie e il figlio ad un certo punto della narrazione scompaiano e comunque non hanno un ruolo molto rilevante, quasi a sottolineare il fatto che sono impersonificazioni delle sue stesse soluzioni frutto dell'input di una terza persona che lo mette sotto ipnosi (Hanna). Anche se, a mio parere, Hanna non è una ipnotista ma ha cercato solo la verità e a volte la verità ha cercato lei (vedi il finto padre di Pietro, cioè il signor B., che le dà informazioni su di lui e sul fatto che ha iniziato una seduta e non l'ha mai finita - suppongo) e alla fine ha voluto aiutare Pietro ad uscirne una volta per tutte.

Anonimo ha detto...

Io ho un dubbio... chi è la bambina con il vestito a fiori, che quando tocca la pancia ad Hanna, la fa ammalare? E perchè?

Anonimo ha detto...

La spiegazione penso sia un'altra, Pietro viene messo di fronte alla realtà quando ha 9 anni e la prende molto male, il padre per rimediare rimuove il ricordo di quel giorno in cui pietro conosce l'ostetricia e conosce la verità, o meglio lo distorce. Per fare ciò utilizza l'ipnosi, che si mantiene "attiva" fino al finale del libro, ma che riguarda solo il ricordo rimosso e nient'altro della vita di Pietro. Tutto il resto è reale e vero.
L'unico dubbio, poco influente, che il libro mi ha lasciato è chi sia la bambina con il vestito a fiori.

Anonimo ha detto...

La bambina con il vestito a fiori era frutto della immaginazione di Hanna bambina affetta da "allucinazioni e schizofrenia"

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...