29 agosto 2013

Trame Riciclate # 5

Vi è mai capitato di leggere un libro e pensare "ma questa cosa dove l'ho già sentita?" Bene, su questa rubrica forse lo scoprirete.
Ma attenzione! Qui si faranno considerazioni il più oggettive possibili sul riciclo delle trame, riciclo anche involontario ovviamente, in quanto a volte uno ha un'idea... ma qualcun altro l'ha già avuta prima!

Buongiorno cari lettori, pensavate forse che mi fossi dimenticata di questa rubrica? Sembrava, vero?! Invece no, stavo solo meditando... una lunga e proficua meditazione ^^
Quello di oggi è il raffronto tra due romanzi, uno letto da me (Espiazione di Ian McEwan), uno da una mia amica (L'Ultima Estate a Deyning Park di Judith Kinghorn). Chiacchierando del più e del meno (libri :P) sono venute a galla diverse similitudini, a tal punto che è venuto spontaneo scrivere questo post.
Ovviamente non mi addentrerò troppo nella trama quindi leggete pure che spoiler non ce ne sono.
A tredici anni un amore che sboccia può sembrare un plagio. Una ragazzina che assiste a una violenza può convincersi di aver riconosciuto il responsabile e far condannare un innocente, rovinandolo e  ovinandosi. Perché tutta la vita sarà segnata dalle conseguenze. La ragazzina crescerà, diventerà una scrittrice, ma non si libererà del peso dell'ingiustizia inferta a un innocente, alla propria sorella innamorata e in fin dei conti anche a se stessa.




L'estate è la stagione più bella a Deyning Park. E come se la grande tenuta della famiglia Granville si risvegliasse dal torpore invernale per prepararsi a ospitare balli eleganti e ricevimenti sfarzosi. Anche per la giovane Clarissa l'estate è una stagione di rinascita; dopo mesi di solitudine, lei può finalmente riabbracciare i fratelli e godere di una nuova, inaspettata compagnia: quella di Tom, l'affascinante figlio della governante che, grazie all'intervento di un misterioso benefattore, ha potuto iscriversi all'università. Dapprima intimidita da quel ragazzo così taciturno e rispettoso del proprio ruolo - stare sempre un passo indietro e assistere alla vita dei Granville da dietro le quinte -, Clarissa a poco a poco stringe con lui una profonda amicizia, che poi sfocia in un grande amore. Un grande amore segreto, perché è chiaro che i suoi genitori non lo approverebbero mai. Ma Tom è ambizioso e determinato, e le fa una promessa solenne: una volta terminati gli studi, si trasferirà a Londra per esercitare la professione di avvocato e, non appena sarà diventato abbastanza ricco da colmare il baratro che lo separa dai Granville, chiederà la sua mano. Il destino, però, volta loro le spalle. Non soltanto qualcuno scopre la loro relazione clandestina, ma è il 1914, e quella sarà l'ultima estate di felicità a Deyning Park. Come una tempesta, la guerra si abbatterà sull'Inghilterra, spazzando via i sogni di Clarissa e le aspirazioni di Tom, la fortuna dei Granville e l'innocenza della giovinezza...
S i m i l i t u d i n i


2001

2012

- Il romanzo inizia nella tenuta di campagna di una ricca famiglia borghese. Qui Cecilia passa l'estate con la famiglia e inizia a frequentare Robbie.

- Robbie è il figlio della governante, è un ragazzo ambizioso ma colto, in quanto il padrone di casa gli ha pagato gli studi.

- Tra Cecilia e Robbie scoppia la passione.

- La sorella di Cecilia scopre la tresca amorosa.

- Siamo alla vigilia di una Grande Guerra (la prima).

- Il destino separerà i due innamorati.

- Cecilia farà la crocerossina.

- E' presente il tema dell'espiazione.

- Il romanzo inizia nella tenuta di campagna di una ricca famiglia borghese. Qui Clarissa è felicissima di tornare ogni estate, soprattutto per  Tom.

- Tom è il figlio della governante,  è un ragazzo ambizioso ma colto, in quanto il padrone di casa gli ha pagato gli studi. 

- Tra Clarissa e Tom scoppia la passione.

- La sorella di Clarissa scopre la tresca amorosa.

- Siamo alla vigilia di una Grande Guerra (la seconda).

- Il destino separerà i due innamorati.

- Clarissa farà la crocerossina.

- E' presente il tema dell'espiazione.

E qui mi fermo. Ovviamente i romanzi sono molto diversi stilisticamente, il testo di McEwan è un classico moderno di indubbio valore, la Kinghorn invece, nonostante peschi qualche idea qua e là, ha creato una storia di puro intrattenimento, probabilmente piacevole (anzi se l'avete letto aspetto qualche consiglio!), ma indirizzata a chi cerca una lettura romantica e un po' sofferta... niente di più.

9 commenti:

Mr Ink ha detto...

Cavolo, le similitudini sono parecchie! Espiazione lo adoro, anche se non ho mai avuto il coraggio di leggere il romanzo. Il film l'avrò visto cinque volte e, ogni volta, ho odiato di più il personaggio di Saoirse Ronan D:

Silvia Leggiamo ha detto...

La storia di Espiazione ti devasta e il personaggio che interpreta Saoirse Ronan è agghiacciante O_O

Il Mondo di Dru ha detto...

Caspita, le similitudini sono davvero tante!
Personalmente li ho entrambi nella TBR, ma il primo è molto più in alto.

Elena ha detto...

Io ho letto L'Ultima Estate e in effetti è una brutta scopiazzatura di Espiazione, poi l'autrice forse per non essere troppo esplicita ha attinto anche da altri romanzi. Alla fine il libro magari può piacere a chi non conosce i libri da cui ha preso spunto, ma a conti fatti di idee nuove non ce ne sono proprio. A me non è piaciuto.
Elena.

..Mary.. ha detto...

Ma no quante similitudini!!
L'ultima Estate è nella mia lista, ma se avrei letto il libro, non mi sarei mai accorta di queste similitudini perchè nono ho letto Espiazione!

Silvia Leggiamo ha detto...

@Il Mondo di Dru
Be' sì, direi che leggere prima Espiazione è quasi d'obbligo!

@Elena
Mhhh... io non l'ho letto, ma forse lo si riesce ad apprezzare prendendolo per quello che: intrattenimento puro. E magari senza aver letto i libri da cui ha preso spunto :P

@Mary
Mi farai sapere com'è allora!

Strawberry ha detto...

Simpatica questa rubrica! Espiazione è un grande romanzo, l'altro non lo conosco e non mi permetto di giudicarlo...a ogni modo è divertente vedere come ci possano essere delle similitudini tra libri apparentemente lontani tra loro! :-)

Silvia Leggiamo ha detto...

@Strawberry
Esatto! Infatti questa rubrica nasce proprio come elogio alla curiosità xD non necessariamente per giudicare il valore di un libro e screditarne un altro!

Marina ha detto...

spero che si distingua per la scrittura e lo stile. anche se McIwan è un maestro.

http://littlemissbook.blogspot.it/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...