26 maggio 2017

Recensione, IL MISTERO DEL LONDON EYE di Siobhan Dowd

Finalmente sono ufficialmente entrata nel mondo di Siobhan Dowd e adesso non vedo l'ora di leggere TUTTI gli altri suoi libri. Che autrice fantastica. <3

Il Mistero del London Eye di Siobhan Dowd

| Uovonero, 2011 | pag. 256 | € 14,00 |

Ted Spark non sente un gran bisogno di diventare normale, però ha capito che esiste una cosa che (agli occhi della gente) lo avvicina a quella condizione: dire bugie. Lui che in 12 anni non ha mai mentito, adesso, è costretto a dirne tre in due soli giorni per salvare l'indagine parallela condotta insieme a sua sorella Kat alla ricerca del cugino Salim. Salim è sparito, facendo un giro sullagigantesca ruota panoramica di Londra. Un giallo avvincente, la storia di un ragazzo inglese nel cui cervello gira un sistema operativo diverso da quello delle altre persone. La voce narrante del libro è proprio quella di Ted, affetto da sindrome di Asperger, una forma di autismo che non viene mai nominata come è giusto che sia perché tutti (chi più o meno) siamo nello spectrum autistico.
Voto:

Dopo aver letto e amato Sette Minuti Dopo la Mezzanotte, romanzo scritto da Patrick Ness sugli appunti di Siobhan Dowd, autrice prematuramente scomparsa, ho sentito il bisogno, fortissimo, di fare l'avvocato del diavolo e di capire di chi fossero i reali meriti di un'opera tanto perfetta. Be', di entrambi ho scoperto. Che Siobhan Dowd sapesse entrare nel mondo più intimo e nascosto dei giovani era indiscusso, ma le parole che avrebbe usato sarebbero state efficaci quanto quelle di Ness? Assolutamente sì.
Ne ho avuto la conferma dopo aver iniziato Il Mistero del London Eye. Mi sono bastate poche righe e Ted, con il suo mondo un po' rovesciato, mi aveva già conquistata. La scrittrice britannica ha affidato la narrazione a un dodicenne assolutamente fuori dal comune nel cui cervello è stato installato un sistema operativo diverso da quello delle persone normali. La sua patologia non ha mai un nome, eppure è descritta in maniera impeccabile: Ted non ha amici, non comprende il linguaggio del corpo e le metafore le traduce alla lettera; ha una passione sfrenata per la meteorologia e un'uniforme che indossa anche quando non c'è scuola. È molto intelligente e nonostante il senso di solitudine che a volte l'affligge ha la mente costantemente affollata da mille pensieri che gli permettono di vedere cose che agli altri sfuggono. 
Quando con la sorella Kat e il cugino Salim vanno al London Eye succede qualcosa che ha dell'inspiegabile. Salim sale sulla ruota grazie a un biglietto regalatogli da un misterioso signore, ma sparisce nel nulla. Dopo il canonico giro di trenta minuti tutti i passeggeri scendono dalla capsula tranne lui. Cosa fare? Come giustificare alla madre e alla zia la sua scomparsa?
Ted, che non ha mai detto una bugia, perché non è proprio capace di farlo, cercherà in tutti i modi di crackare il suo cervello e di farlo funzionare al meglio, perché anche se ha dei limiti diagnosticati da medici e professori competenti, anche se dimentica le piccole cose e le mani gli sfarfallano in modo incontrollabile quando si agita, ha anche una capacità logica e deduttiva fuori dal comune capace di abbattere quegli schemi e quelle barriere che a volte ti impediscono di vedere le cose per come sono realmente. Insomma, Ted avrà anche una patologia, ma è una patologia ad alto funzionamento. A volte nemmeno sua sorella Kat riesce a stargli dietro, perché lei - che è "normale" - si fa prendere dall'ansia, ragiona a sproposito, va in tilt al minimo ostacolo. Ma insieme sono un grande duo, insieme sono il braccio e la mente. 

Acquista su Amazon

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Recensione bella bellissima, questo libro finisce dritto in wish list!
Fra

Emy ha detto...

Avevo già in programma di leggere i libri di Siobhan Down, ma ho sempre rimandato perchè non riuscivo a decidermi da quale cominciare. Dopo aver letto la tua recensione (ennesima prova del tuo ammaliante stile da venditrice di sabbia nel deserto^^) direi che non ho più dubbi, quindi...segnato! (◠‿◠✿)

Emy ha detto...

*Dowd

Silvia Leggiamo ha detto...

@Fra non può non essere in ogni wish list libresca del mondo!

@Emy Lo adorerai, ne sono certa. Sto leggendo della Dowd anche Le Rose di Shell e mi sta piacendo tantissimo!

Emy ha detto...

E la wish list continua a crescere (tua culpa!) (≧◡≦)

Silvia Leggiamo ha detto...

La Dowd deve sbaragliare qualsiasi titolo in Wish list!

Anonimo ha detto...

Una recensione bellissima Silvia
Romina

Lisa ha detto...

non conoscevo Siobhan Down ma questa recensione mi ha aperto un mondo!

Silvia Leggiamo ha detto...

@Lisa, da oggi io la spammerò ovunque questa autrice!

Silvia Leggiamo ha detto...

@Romina grazie, sei sempre gentilissima!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...