11 giugno 2015

Recensione, LA SENTINELLA di Claudio Vergnani

Buonaseraaaa! Finalmente tra un 730 e una busta paga, riesco a pubblicare la recensione de La Sentinella di Claudio Vergnani, autore dallo stile ricco e vivido che - se amate il genere - non potete non scoprire!
Ho visto abbastanza putridume e morte per dichiarare ufficialmente chiuso il mio periodo "buio".
Adesso forse riuscirò a orientarmi su qualcosa di più soft :)

La Sentinella di Claudio Vergnani

| Gargoyle Edizioni, 2015 | pag. 462 | € 18,00 |
Ecco il futuro. E molte cose sono cambiate: si è aperta un'era di uguaglianza e di spiritualità. Ciò che prima era privilegio delle classi agiate ora è alla portata di tutti. Niente più polizia, né esercito. Ma disastri naturali, catastrofi legate all'incuria, la sovrappopolazione dovuta alle direttive di una religione che pretende famiglie sempre più numerose, carestia e degrado hanno fatto del mondo un luogo inospitale e pericoloso. Il dilagare del cannibalismo, il proliferare di antiche sette legate al culto dei morti, la demenza indotta dall'uso di droghe letali, una fauna mutante mostruosa e antropofaga portano la Chiesa a istituire severe Selezioni per la formazione di Ordini scelti che mettano un freno ai pericoli. Nasce così l'Ordine delle Sentinelle. La Selezione per diventare Sentinella, però, non è solo dura, è disumana. E cosa succede se chi sopravvive rischia di ritrovarsi disumano a sua volta? Cosa succede se i prescelti si rivelano peggiori delle persone che dovrebbero combattere?
Voto:
 - - -

Si sa che quando si parla di horror prediligo i romanzi da "maschio". Definizione orrida, lo so, ma è così che li chiamano le mie amiche che tra l'altro mi additano anche come "strana", perché secondo loro chi ama le storie piene di sentimento, passione e romanticismo non può amare anche quelle traboccanti di mostri, sangue e morte.
Invece sì. Chissà, magari sono un ossimoro vivente, ma ho i miei periodi e i miei bisogni.
In una fase decisamente buia, poco tempo fa ho messo gli occhi su La Sentinella di Claudio Vergnani, autore modenese già noto per I Vivi i Morti e Gli Altri e una trilogia vampiresca assolutamente innovativa. Con questo romanzo Vergnani sfocia nella distopia; siamo in un futuro imprecisato, e la popolazione mondiale è devastata fisicamente e psicologicamente a causa del troppo benessere. Ha visto guerre e catastrofi naturali, ma è stata la prosperità a far crollare ideali e sogni. E' il tracollo delle speranze, parole come società, politica e democrazia non hanno più importanza, per questo, in un clima letale, al limite della sopravvivenza, la Chiesa torna a essere l'unico punto di riferimento a cui il genere umano cerca di aggrapparsi. Non è importante avere, ma essere. C'è incuria, povertà, sporcizia, ma la spiritualità illumina il cammino dei giusti o almeno è questo che tutti credono. Intanto si fanno figli (come chiede la religione), non ci si preoccupa della sovrappopolazione, gli animali e gli insetti mutano geneticamente, la gente usa droghe e arriva anche praticare il cannibalismo, finché la Chiesa non decide di istituire un Ordine in grado di tenere a freno ogni forma di pericolo.
Ma per la gente comune diventare una Sentinella significa semplicemente un tetto, un letto e del cibo. E' l'ultima possibilità per i più soli e disperati.
La Selezione però è durissima, quasi impossibile e Vergnani ce la racconterà per oltre duecento pagine. Pagine descritte minuziosamente in cui il nostro protagonista dovrà affrontare quanto più di repellente e disumano si possa immaginare tra città-cimitero e cripte inviolabili, sotto il sole cocente e con il gelo che ti spezza le ossa. In questa parte del romanzo non sappiamo nemmeno i nomi dei personaggi, l'iniziazione non consente rapporti di alcun tipo, pertanto il protagonista li identifica semplicemente con il vecchio, il culturista, la ragazza con la coda di cavallo, il magro... non sembra esserci umanità nelle pratiche che prevedono l'accesso a un ordine ecclesiastico, come se con la religione sia più facile scatenare odio che diffondere amore. Forse è così. Il bene, ha delle conseguenze più pericolose del male e la Chiesa serve solo da tramite...
» continua a leggere sul sito

Acquista su Amazon

Nota: I commenti rilasciati a questo post, saranno visibili anche nella pagina del sito dedicata alla recensione.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Complimenti, mi sa che ho scoperto un altro autore da leggere!
Fabio

Alice ha detto...

Oh mamma... Sono stata male solo a leggere la trama, però questa cosa che "è da maschio" stuzzica il mio lato femminista. Quasi quasi... XD

claudio ha detto...

Da autore (e ringrazio per la magnifica recensione) ho sempre scritto per lettori competenti senza fare caso al loro sesso. Tant'è vero che nelle mie storie - pur nei loro limiti - metto sempre al centro l'aspetto umano. Poi, dato che sono un maschio, e che in ogni storia che racconto l'elemento autobiografico finisce sempre per affiorare (anche per narrare con la dovuta sincerità) è inevitabile che l'ago della bilancia possa spostarsi su aspetti considerati "maschili", ma credo anche che alcuni tra i miei personaggi migliori e di maggior spessore siano femmine.
Di nuovo grazie per l'interesse e per avermi permesso tale precisazione.
Claudio

Silvia Leggiamo ha detto...

Claudio, grazie mille per essere passato e per questo commento che riassume alla perfezione il tuo modo di narrare.
E grazie anche per la "magnifica recensione" non dico che sia davvero "magnifica", ma quando un libro è scritto bene è facile parlarne con passione!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...