9 settembre 2013

Recensione, LA SCHIUMA DEI GIORNI di Boris Vian

Mai letto qualcosa di così folle, assurdo, dolce, cinico, cattivo e tenero allo stesso tempo.
Mai letto un libro con dialoghi così elementari, una sintassi ridotta al minimo e un senso tanto profondo e pieno di sfacettature. Mai letto Vian prima d'ora...

L' É c u m e  d e s  J o u r s

| Marcos Y Marcos, 2005 | Pag. 268 | € 14,50 |
Colin è un giovane parigino ricco e annoiato. Passa il tempo dedicandosi a ricette inverosimili, strimpellando bizzarri strumenti di sua invenzione, bighellonando con Chick - il suo migliore amico - un ingegnere spiantato e sperperone che ha uno strano pallino: collezionare le opere di Jean-Sol Partre. Poi, nella vita del signorino entra, in modo esplosivo, l'amore. L'incontro con la bella Chloé è un colpo di fulmine: decidono di sposarsi nel giro di pochi giorni. Al ritorno dal viaggio di nozze, Chloè si ammala. Nei suoi polmoni si annida un male terribile, fatica a respirare. Mentre il tempo va sempre più veloce, e l'appartamento dove vivono, inizialmente di dimensioni faraoniche, si fa sempre più stretto...
 Voto:

Anche se Vian non avrebbe di certo voluto che il giudizio di un suo libro
fosse affidato al numero delle stelline. E in fondo avrebbe avuto ragione.

 R e c e n s i o n e


Difficile, difficilissimo parlare de La Schiuma dei Giorni, per farlo forse sarebbe meglio parlare del suo creatore, l'eclettico Boris Vian definito su wikipedia scrittore, paroliere, drammaturgo, poeta, trombettista e traduttore francese. In breve Vian nasce in Francia nel 1920 e muore a soli 39 anni al cinema, durante la trasposizione poprio di un suo libro (quando si dice destino...): "Sputerò sulle Vostre Tombe". Esistenza strana la sua, costellata dalla voglia di vivere e dalla smania di abbracciare tutte le arti che il modo aveva da offrire. Il suo libro rispecchia alla perfezione quest'amore spasmodico per tutto ciò che lo circondava essendo per l'appunto un misto di parole, drammi, poesia e musica. Ma è anche altro. La Schiuma dei Giorni è surrealismo estremo, allegro cinismo, macabra allegria, follia esistenziale e quelle di Vian sono visioni pirotecniche in un mondo impossibile.
Eppure in questa sorta di opera in cui sembra convivere il genio di Buñuel e il pennello di Dalì, dove l'amore è il fulcro dell'esistenza dell'individuo che tramite il sogno e la follia supera le convenzioni sociali per sentirsi libero dagli schemi, c'è una favola vecchia come il mondo. Quella di lui e lei che si amano e vorrebbero stare insieme per tutta la vita. Quella di lei che si ammala. Quella di lui che cerca in tutti i modi di salvarla. Sembra una storia struggente e strappalacrime, e lo è, ma è soprattutto un sogno, una favola, un disegno, uno spartito musicale.  
Vian ambienta la sua storia in una città annoiata e atipica, dove l'uomo non lavora perché farlo sarebbe degradante e dove la superficialità e i vizi regnano padroni. 
» continua a leggere sul sito



Nota: I commenti rilasciati a questo post, saranno visibili anche nella pagina del sito dedicata alla recensione.

11 commenti:

Anonimo ha detto...

sono troppo curiosa!
Sandra

Giada ha detto...

Recensione stupenda! Per quanto la trama non m'ispiri e la copertina non sia di mio gusto, la tua recensione è talmente bella e "sentita" che sono curiosissima di leggerlo *___*

Emy ha detto...

"Difficile, difficilissimo parlare de La Schiuma dei Giorni...", ma tu ci sei riuscita alla grande! E con una recensione così non posso esimermi dal leggerlo :)

Silvia Leggiamo ha detto...

@Sandra
Direi che la curiosità va soddisfatta!
Cmq vedere il trailer del film fa capire con che genere si ha a che fare.

@Giada
Da quando si giudica un libro dalla copertina e dalla trama?
Il 12 ci vediamo il film, va bene?

@Emy
Grazie Emy!

Giada ha detto...

Lo so Silvia, ma se vedo su uno scaffale un libro con una copertina simile, è molto difficile che lo prenda in mano... È un discorso superficiale, ma mi lascio facilmente incantare dalle copertine belle *___*
Certooo, guardiamolo ♥

Silvia Leggiamo ha detto...

Hai ragione, ma abbiamo letto libri bellissimi con copertine orride e libri osceni con copertine fantastiche. Idem per le trame.
Ormai io non le leggo nemmeno più, infatti quando mi chiedi "di cosa parla?" ormai troppe volte ti dico "boh" di un libro che voglio assolutamente.
Magari il film ti metterà un po' di curiosità però... chissà...

Giada ha detto...

La tua recensione me ne ha già messo tanta di curiosità *___*
Hai ragione comunque, sto leggendo tanti libri dalla copertina bella, ma veramente insignificanti -___-

Anonimo ha detto...

Complimenti, davvero una bella recensione-
Dani

Silvia Leggiamo ha detto...

Grazie Dani :)

Mr Ink ha detto...

Bellissima recensione, Silvia! Lo sai che queste cose mi piacciono, quindi spero vivamente di concordare con te, a lettura ultimata. Anche se so che è un libro che divide un po'. Considerato che il film è diretto da Michelle Gondry - non esattamente il mio regista preferito... - sono curioso e intimorito. Ti farò sapere. Mi sa che lo inizio oggi!

Silvia Leggiamo ha detto...

Secondo me il film sarà visivamente simile al libro, ma non ne coglierà la vera essenza. Aspetto il tuo parere, sono davvero curiosa.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...