8 gennaio 2015

Le Letture Più Deludenti del 2014

E poteva mancare il post con le letture out? Proprio no!
Purtroppo le mie più grandi delusioni sono nell'ambito del genere romance; insomma quello che sarebbe il mio genere preferito sta diventando anche la mia spina nel fianco. Per non fare un post monotematico però non inserirò necessariamente romanzi a cui ho dato l'insufficienza, ma anche quei titoli da cui mi aspettavo tanto e mi hanno invece dato poco. Oggettivamente potrebbero essere anche bei libri, ma soggettivamente non hanno scavato nessun solco nella mia anima di lettrice.
Bene, partiamo!

   

Partiamo subito con i romance e togliamoci il dente.
I denti.
Ok, tutta la dentiera!
No dai, cercherò di limitarmi!
Non potevo non inserire in lista Abbi Glines che primeggiava anche lo scorso anno in questa lista e direi che potrebbe diventare un habituè se solo avessi la forza di leggere altro di suo, ma ne dubito, 1) perché i suoi libri sono tutti uguali, 2) perché non sa scrivere, 3) perché con lei o si ragiona in orizzontale o non si ragiona proprio. Quindi ciao Abbi, spero che tu possa darti all'agricoltura, visto che di patate te ne intendi.

Saluto anche la Redmerski, ho capito che Il Confine di un Attimo è stato una botta di culo, perché gli altri titoli usciti sono stati proprio una delusione colossale (da Il Confine dell'Eternità a Sei il Mio Buio Sei la Mia Luce).

  

Il Mio Sbaglio Preferito di Chelsea M. Cameron ha il grandissimo difetto di essere confusionario, sciocchino e infantile. Forse è un titolo per le giovanissime e forse è colpa mia che non voglio ammettere di non essere più una fanciulla, ma non arriva alla sufficienza, quindi bocciato.

Altra delusione Nemici di Letto di Gina L. Maxwell, un'autrice alle prime armi che non ha saputo affinare la sua penna già acerba nel suo titolo di esordio (Amici di Letto), dove però brillava per la voglia di emozionare e di scombussolare gli ormoni. Stavolta non ha funzionato. Bocciata? Mhhh... facciamo che è rimandata a Settembre.

 

Parliamo di Replay di Ken Grimwood...
*sospira*
*sospira ancora*
Cioè... dovrei parlare di viaggi nel tempo. Una roba che solo a pensarci mi si aggrovigliano le budella, eppure l'autore è riuscito a rendere il tutto una mezza palla (o una palla tutta intera dipende dal vostro livello di sopportazione). Tralasciamo il messaggio di fondo, lo stile scorrevole e altre ovvietà. Ma qui, anche se abbiamo a che fare con una trama originale, abbiamo anche a che fare con un protagonista da sbattere contro il muro più e più volte. Odioso. Antipatico. Egoista. Superficiale. Una merda insomma. E uno così si merita delle seconde possibilità? Ma quando mai?!?!?!?

Non male, ma non all'altezza del primo titolo della serie, Hollow City. Lo so che a molti è piaciuto il romanzo di Ransom Riggs che vede protagonisti i bambini speciali di Miss Peregrine, ma a me non ha avvinto. Ho trovato la storia funzionale alle fotografie che l'autore inserisce come suo solito per rendere l'atmosfera più surreale e allo stesso tangibile, ma è stato come se l'intero libro fosse stato scritto a tavolino. 
Mi aspettavo di più, che vi devo dire?

  

In ambito thriller non è scoppiato l'amore tra me e Wulf Dorn. Ammetto che La Psichiatra si legge in un soffio, ma non ho vissuto l'ansia e l'angoscia della protagonista che da un giorno all'altro si trova protagonista di un vero e proprio incubo. Probabilmente la colpa è di Fitzek che scrive thriller psicologici e che ormai mi ha fatto conoscere tutte le deviazioni della mente umana.

La Sposa Silenziosa invece mi ha proprio annoiata. Parte bene, poi si perde. Sembra che anche l'autrice non sappia dove voler andare a parare e allora parla, parla, racconta anche dettagli poco funzionali alla storia e boh... l'idea di fondo era interessante, ma lo sviluppo ha lasciato a desiderare.

 

E qui piango. Piango a dover inserire Carlos Ruiz Zafon nella lista delle delusioni, ma per onestà di lettrice non posso fare altrimenti. Il terzo romanzo della serie "il Cimitero dei Libri Dimenticati" non ha mantenuto i livelli (altissimi!) dei precedenti titoli e io da un mago della scrittura mi aspetto solo magie. Niente di meno!

Chiudo in bellezza con un romance di cui aspettavo tantissimo l'uscita perché ritenuto uno dei capolavori di Anne Stuart, ma per farla breve (tanto sul sito c'è la recensione) Buio è stato tutto fumo e niente arrosto.

E adesso tocca a voi!
Quali sono state le vostre delusioni?

13 commenti:

Anonimo ha detto...

Ahaha, i tuoi commenti mi hanno spaccato!
Sono d'accordissimo sulla Maxwell, tanto che io col secondo non ci ho neanche provato. La Redmerski non ho comprato neanche il primo perché l'estratto non mi aveva convinto, mentre devo dire che Zafon a me non è piaciuto già dall'inizio, io sono una delle poche che ha detestato il suo primo libro al punto che non ho voluto prendere neanche gli altri!
Pero' citi Fitzek, un uomo che devo provare al piu' presto, anche se ho già una lunga lista di letture pronta ad occuparmi...

Manu

P.S. ma quanti fumetti che leggi! che meraviglia!
P.P.S. Ah già, non ti ho detto la mia lettura piu' deludente del 2014!
è "this song will save your life", solo in inglese grazie al cielo! ;)

Silvia Leggiamo ha detto...

>> un uomo che devo provare al piu' presto.

Bellissima questa! XD

Alice ha detto...

Mi è andata bene. Della tua schifo-lista ho letto solo Buio e confermo ogni singola parola della tua recensione. Proprio non mi spiego il suo successo. Ma il mondo è bello perché è vario. XD

Miraphora ha detto...

Confermo la Stuart e la povera Abbi.

La mia lista nera è talmente piena che non mi ci metto nemmeno a recuperare i titoli. Meglio dimenticarli...

Lara ha detto...

abby glines , dio ce ne scampi e liberi! però speravo che la serie di nemici di letto fosse meglio, cassata anche lei allora!

Stay Strong ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Silvia Leggiamo ha detto...

@Alice
Già... e non è nemmeno un discorso di aspettative troppo alte. Boh...

@Miraphora
La povera Abbi si è arricchita a scrivere ca**ate. Povere noi che ci siamo cascate :P

@Lara
Quella serie non è male, ma nel primo libro avevo visto qualcosa che non ho trovato nel seguito. Un guizzo che puf, è sparito!

Anonimo ha detto...

Beh sei stata brava. Se dovessi fare la mia lista nera sarebbe più un buco nero! Concordo sulla redmerski, mi ha proprio fregato!

Marta

Silvia Leggiamo ha detto...

@Marta
Purtroppo le letture "no" mi spengono, mi mandano in down, mi demoralizzano un sacco T___T
Dopo mi servirebbe un libro stramegasuper bello per riprendermi, ma non è mica facile beccarlo ;_;

Anonimo ha detto...

Concordo in tutto per ciò che ho letto. la delusione più grande è stata senza dubbio nemici di letto perchè il primo mi è piaciuto parecchio. concordo con la botta di culo della redmarski (pensavo fossi l'unica a pensarlo!)poi potrei arricchire la lista di stupidaggini del 2014 ma evito (non scordiamo però l'ultima caxxata che ho letto "il ragazzo che entrò dalla finestra e..."
ho adorato il tuo meraviglioso silenzio e non me lo aspettavo!!!

eleonora

Emy ha detto...

Concordo sulla Glines, di cui ho letto anche il seguito Irresistibile (ma il terzo lo evito) e su Il mio sbaglio preferito (anche se il protagonista maschile mi stava abbastanza simpatico). Tuttavia, se penso al libro più brutto letto nel 2014 nella mia mente spicca Un'incantevole imprevisto di Marianne Kanavagh, un romanzo insulso e noioso con una storia d'amore quasi inesistente.
Buio, invece, mi è piaciuto molto. Magari non è stata la lettura strabiliante che mi aspettavo, ma sono rimasta comunque soddisfatta.
Della Maxwell e di Riggs ho i primi libri delle loro serie nella pila da leggere, insieme a Zafon che testerò con Il principe della nebbia :)

Silvia Leggiamo ha detto...

@Ele
CHe disastro il panorama romance/new adult, no? Va be' forse il mercato è anche saturo, ma quando leggevo solo i romance storici da edicola le fregature erano numericamente inferiori u.u

@Emi
Che ti era piaciuto Buio me lo ricordo, ed è pure giusto, se non fosse piaciuto a nessuno il suo successo sarebbe stato un vero mistero :P

Siannalyn ha detto...

Non li ho letti quest'anno, ma condivido la delusione per La Psichiatra e Hollow City.
Penso che la lettura più deludente di quest'anno sia stata "Rosaspina. Una fiaba dark" di Luana Semprini.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...