15 novembre 2014

Recensione, UNRAVEL ME di Tahereh Mafi

Buonasera! Finalmente i punti sul pancino iniziano a tirare un po' meno e così posso stare seduta senza invocare Santo Oki e Beato Aulin.
Come vi avevo anticipato nel precedente post avevo in lettura Unravel Me e che dire... forse mi è piaciuto anche più di Schegge di Me e non vedo l'ora di leggere il capitolo finale!

Unravel Me di Tahereh Mafi

| HarperCollins 2013 | pag.495 | shatter me #2 |
disponibile la traduzione amatoriale su


Voto:

Avevo terminato Schegge di Me rivolgendomi all'autrice e pregandola di non far cadere Juliette, la protagonista, nel solito triangolo amoroso, ma a quanto pare non mi ha ascoltata e per questo affronto la pagherà cara, molto cara. Però devo ammetterlo... è stata brava. Brutalmente brava! Alla fine del primo libro della serie avevo gli occhi a cuoricino per Adam, mentre adesso sto in subbuglio ormonale per Warner. No dico, Warner. L'avete presente? Lui è un vero cattivo, un antagonista che dovresti sperare di vedere schiacciato, sterminato, sbriciolato, perché non conosce la pietà, perché è meschino e perché sì (l'ultimo motivo è il più valido di tutti!).
Adesso però mi rendo conto che l'autrice ha solo appagato il mio lato più oscuro, quello che si scioglie per personaggi mentalmente instabili e con qualche turba cerebrale, della serie "I ♥ psycho".
Ero davvero convinta che avrei sofferto nel vedere Adam - un protagonista buono, onesto e che ha sempre messo Juliette in cima alle sue priorità - doversela vedere con Mr Sociopatico, invece no. Non più di tanto. Forse Adam aveva già raccontato troppo di sé, mentre Warner era rimasto un libro chiuso da cento lucchetti di cui non si trovavano le chiavi. Juliette entra tra le sue pagine macchiate di sangue e dolore e ci fa scoprire un ragazzo che in parte è una menzogna. Warner è spietato, insensibile, indifferente e non potrebbe essere altro che così, perché suo padre, l'esercito e la guerra l'hanno reso incapace di provare compassione.
"La verità è un doloroso promemoria
del perché preferisco vivere tra le bugie"Warner
Juliette e Warner sono simili. Condividono un passato di solitudine, hanno conosciuto il disprezzo, gli abusi e i maltrattamenti, ma se lei tenta di cambiare, lui è ben conscio di non poterlo fare. Entrambi sono la conseguenza di quella stessa catastrofe che sta distruggendo non solo le persone, ma il mondo intero. Catastrofe di cui, secondo me, si sa ancora troppo poco. L'elemento distopico e l'azione spesso vengono assorbiti e messi in ombra da una componente romance dirompente e trascinante e con questo non voglio muovere una critica, ma esprimere quello che per me è proprio un dato di fatto. I romanzi sono sempre narrati dal punto di vista di Juliette, una ragazza che non sa come si sia arrivati a uno stato di tale rovina sulla Terra, ma lo stile - originale, visionario, claustrofobico - dell'autrice, è lo specchio perfetto di una protagonista alla costante ricerca di se stessa e costretta continuamente a fare i conti con il suo "io" più mutevole, insicuro e fragile.
» continua a leggere sul sito

Acquista su Amazon

la serie

1. Shatter Me
Schegge di me (recensione)
2. Unravel Me
3. Ignite Me

le novelle


 1.5 Destroy Me
2.5 Fracture Me
Nota: I commenti rilasciati a questo post, saranno visibili anche nella pagina del sito dedicata alla recensione.

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Ecco, lo inizio subito, non perdo un solo secondo, dopo questa rece come si fa? E soprattutto dopo aver scoperto un gruppo di sante che l'hanno tradotto!!!
Sarah

Cecilia Attanasio ha detto...

Anch'io ho preferito UM a SM e sono contenta che per una volta un "cattivo" sia stato rivalutato perché Warner non è uno dei soliti antagonisti stilizzati cattivi cattivi, bensì un personaggio travagliato, con molte sfaccettature.
IM mi ha delusa, però sono felice di far parte del team che se ne sta occupando e ti auguro buona lettura perché alcune scene sono davvero spassose :)

Silvia Leggiamo ha detto...

@Sarah
Per fortuna ci hanno pensato loro :))

@Cecilia
Urka, complimenti Cecilia, davvero, ho trovato la traduzione di Unravel Me davvero curata e ben fatta!

Come ti ha deluso IM? T___T piangooo!!! Mi sale un nervoso quando una bella serie non ha un finale altrettanto soddisfacente. Cmq ormai sono in ballo e ballerò!

Mr Ink ha detto...

Io non mi sono mai avvicinato al primo, sapendo che la serie è stata interrotta. Sapendo che queste sante ragazze fanno le traduzioni, quasi quasi...

Silvia Leggiamo ha detto...

A questo punto aspetta l'uscita di Ignite Me, però davvero, quest'autrice andrebbe letta solo per "scoprire" il suo stile particolare.

Anonimo ha detto...

Vedi vedi? E io che ti ho scritto un giorno:
Oh, Adam! (occhi a cuoricino)

e il giorno dopo:

Oh, Warner! (occhi a cuoricino)

E credevo di essere io quella volubile, invece vedo che è un male comune.
E soprattutto, Oh Warner! dopo che si infila in camera di Juliette. Ero malata mentre lo leggevo, ma il bollore nn dipendeva da quello!

Approfitto, se mai mi leggessero, per ringraziare il gruppo di traduttrici, che oltre ad un'ottima traduzione dall'inglese, hanno curato molto anche l'italiano, brave, i miei complimenti.

Marta

Silvia Leggiamo ha detto...

@Marta
Povero Adam... se penso a come stavo incazzata alla fine del primo libro intuendo che Warner gli avrebbe rubato la scena, invece adesso lo voglio con Juliette e chi se ne frega della Guerra, dell'Apocalisse, della devastazione e della fine del mondo. Basta che 'sti due stiano insieme x°°°D

Giada ha detto...

Lo sto leggendo e mi sta piacendo tantissimo, troppo! Colgo l'occasione per ringraziare le Sante che si stanno occupando della traduzione. Ragazze siete fantastiche <3 <3

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...