1 agosto 2018

Recensione, Jeremy Poldark di Winston Graham

Fanciulle - sì ormai mi rivolgo solo a voi perché di uomini che leggono questa saga secondo me non ne esistono e vi capisco - eccomi tornata a parlarvi del terzo libro di Poldark. Un libro che mi avevano detto essere il meno interessante e che invece ho apprezzato molto, trovo Graham bravissimo nelle parti descrittive e le pagine dedicate al processo di Ross mi ha tenuta incollata. Quindo GO GO, si procede, anche se adesso penso di prendermi una pausa, ho dieci giorni di ferie e mi aspettano altre letture!

Jeremy Poldark di Winston Graham

| Sonzogno, 2017 | pag. 336 | € 18,00 |
- saga Poldark 3/12 -

Comovaglia, 1790-1791. Il terzo volume della saga di Poldark si apre su uno dei momenti più cupi della vita di Ross e Demelza, distrutti dal lutto per la morte della figlia Julia. È in questa lugubre congiuntura che Ross viene messo sotto processo, con l'accusa di avere istigato il saccheggio di due navi naufragate, reato per il quale è prevista l'impiccagione. In un clima avvelenato da inimicizie e vecchi rancori, su cui grava la paura che lo spirito sovversivo della Rivoluzione francese possa dilagare anche nel resto d'Europa, il suo caso è delicato e controverso. E il nemico di sempre, George Warleggan, non esita a tramare perché si giunga a una condanna. Intanto, anche il matrimonio con Demelza attraversa un periodo molto critico: i rapporti si sono infatti raffreddati, minati da incertezze e incomprensioni, tanto più che all'orizzonte di Ross ricompare Elizabeth, mai dimenticata e ora più civettuola che mai. Quando la moglie gli rivela di essere di nuovo incinta, nell'animo di Ross si combattono sentimenti contrastanti: il bambino in arrivo offrirà alla coppia l'occasione per riavvicinarsi o li renderà ancora più distanti? E la nascita di Jeremy, che coincide con la decisione di riaprire una delle miniere di rame, quale fase inaugurerà nella vita di Ross?
Voto:

Tre libri in una settimana circa. Un record. Lo ammetto, aver seguito la serie tv mi ha permesso di capire al volo certi passaggi, di focalizzare immediatamente i vari personaggi, soprattutto quelli nuovi, e anche se solitamente vale la regola del "prima si legge poi si guarda", questa volta non mi pento del contrario. Sono due esperienze assolutamente complementari e poi immaginarsi Aidan Turner nei panni di Ross, be', è tutta un'altra faccenda. Trovo tra l'altro il personaggio del tenebroso capitano Poldark quello più "vero" e ben delineato. Un uomo difficile certo, pieno di controsensi e idiosincrasie, ostile, introverso, insolente, suscettibile e con una vena sarcastica che spesso sfocia nell'insolenza, ma Ross è anche profondamente devoto alle cause dei più deboli e se potesse porterebbe sulle sue spalle tutto il peso della Cornovaglia.
Peccato che abbia anche delle debolezze e che al momento quella più grande porti il nome di Elizabeth.
Da lettrice e spettatrice però non so quanto questo sentimento possa chiamarsi amore. Ross ha sempre ammirato Elizabeth, l'ha messa su un piedistallo, l'ha idealizzata e al ritorno dalla guerra ritrovarsela a un passo dal matrimonio con il cugino Francis ha creato una frattura insanabile non solo nel suo cuore, ma anche nel suo orgoglio.
Elizabeth è un prurito, un tarlo, una rivendicazione. E lei lo sa. Ohhh, eccome se lo sa, e quanto detesto il suo civettare con classe, quella sciocca consapevolezza tipica della gatta morta, ma non ha capito che a un uomo come Ross non puoi lanciare il sasso e nascondere la mano. Ovviamente detesto pure lui; nonostante ami Demelza non riesce a fare a meno di paragonare la sua imperfetta moglie alla sua impeccabile ex fidanzata. E vi dirò, a volte posso anche capirlo, perché a me Demelza non è che piaccia sempre, ma questo è un problema mio (e comunque Elizabeth NO tutta la vita).
"Che cosa sarebbe successo, si chiese, se avesse sposato me? Gli eventi sarebbero stati diversi? Gli esiti sarebbero stati diversi? Io ed Elizabeth saremmo stati più felici? Tutti noi siamo schiavi del nostro carattere. Forse ci sono elementi della sua e della mia natura che avrebbero reso difficile la nostra convivenza."
Ma facciamo un passo indietro e vediamo a che punto della trama siamo.
Il romanzo si apre su un momento decisamente drammatico della vita di Ross il quale, accusato di aver depredato il carico di una nave nei pressi di Hendrawna Beach è in attesa di essere processato. I capi di accusa sono tre: istigazione alla sommossa, saccheggio e aggressione a un funzionario della Corona. Tombola! La pena più probabile è la forca.
Ovviamente ai piani alti ci sono tante persone che si prodigheranno al massimo perché faccia la peggiore delle fini, in primis George Warleggan la cui avida mano vorrebbe potersi stringere non solo sulle miniere dei Poldark ma anche intorno al collo del suo acerrimo nemico; non mancheranno però dimostrazioni di vera amicizia e blandi tentativi di consegnare i fatti alla giustizia per come sono realmente andati, ma come ben sappiamo, spesso la verità ha un prezzo. E anche la menzogna.

Pensavo che arrivati a questo punto le cose potessero venirmi a noia, invece Graham riesce sempre a mantenere alto l'interesse scavando ancora di più nelle anime di Ross e Demelza che mai come adesso devono scendere a patti con il dolore (chi ha letto il romanzo precedente capirà) e spaziando nella vita di tutti i personaggi secondari facendone entrare in scena di nuovi. Caroline Penvenen, la ricca e cinica ereditiera, è una ventata d'aria fresca in un romanzo fatto di grandi incertezze; con la sua ironia sottile e tagliente, i modi provocatori e un cuore enorme celato sotto strati di pizzi e merletti, porterà del sano tormento allo spirito pacato del buon dottor Dwight Enys.
Intanto gli echi della guerra in Francia soffiano prepotenti oltre la Manica, il clima sociale è in grande fermento, si temono ribellioni, il malcontento sembra un male più difficile da debellare dello scorbuto e tanti saranno gli escamotage per risalire la china, alcuni leciti, altri un po' meno.
Con l'immancabile stile pacato, educato e molto inglese di Graham, prosegue questa saga che ha ancora tanto da dire ma che ha già detto tantissimo. Purtroppo non ci sono tante gioie, anzi. Ross è costantemente ossessionato dalla ricerca di nuovi fondi per finanziare la miniera, il denaro resta ancora l'unica merce da cui dipendono molte vite, e il disincanto, la malinconia e le preoccupazioni, l'hanno reso un uomo meno amorevole nei confronti della vita e - ahimé - anche dei suoi affetti. Poi c'è sempre il tarlo Elizabeth impossibile da debellare e pronto a divorarlo insinuando in lui nuovi dubbi.
"E che dire della giovane donna accanto a lui che aveva amato devotamente per quattro anni e amava ancora? Gli aveva dato più di quanto Elizabeth avrebbe mai potuto: mesi di perfetta armonia, fiducia incondizionata (che adesso lui stava tradendo con il pensiero). Ah, che assurdità. Quale uomo non si guardava attorno di tanto in tanto? E quale donna avrebbe mai potuto lamentarsi se quello sguardo non diventava qualcosa di più."
Un romanzo ricco di avvenimenti e che inizia a fare da spartiacque tra Ross e le due donne della sua vita, perché purtroppo sì, il triangolo l'avevo considerato, ma trovarselo sbattuto in faccia, nero su bianco, fa tutto un altro effetto. Non mi resta che aspettare, le acque si stanno muovendo e gli argini sono sempre più fragili...
Alla prossima 8)

La saga dei Poldark


*primo ciclo*
1. Ross Poldark (1783–87) - Ross Poldark - recensione
2. Demelza (1788–90) - Demelza - recensione
3. Jeremy Poldark (1790–91) - Jeremy Poldark
4. Warleggan (1792–93) - Warleggan
5. The Black Moon (1794–95) - La Luna Nera (09/2018, Sonzogno)
6. The Four Swans (1795–97) 
7. The Angry Tide (1798–99) 

*secondo ciclo*
8. The Stranger from the Sea (1810–11) 
9. The Miller's Dance (1812–13)
10. The Loving Cup (1813–15)
11. The Twisted Sword (1815) 
12. Bella Poldark (1818–20) 

Acquista su Amazon


2 commenti:

Anonimo ha detto...

aDORO LA SERIE TV, recensirai tutti i libri?
Lolla

Silvia Leggiamo ha detto...

@Lollda
Direi proprio di sì :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...