15 aprile 2013

La dura vita dei book blogger...


Girovagando in rete si trovano tanti blog dedicati ai libri e come in tutte le cose c'è chi li sostiene e chi li critica. Alcune osservazioni che ho scovato in giro per la rete potrebbero però essere buoni spunti su cui riflettere. D'altronde sapere cosa pensa chi ci legge è importante, non si può liquidare il tutto con "il blog è mio e ci faccio quello che mi pare", no?
Io ovviamente argomenterò nel mio piccolo, condividendo alcune cose e altre meno, ma seguendo solo il mio gusto personale. Sia chiaro, non intendo screditare chi gestisce il proprio blog in modo diverso, anzi, un confronto non può fare che bene... *ripone le armi*

Se fate un post dopo 5 minuti dall'invio di un comunicato stampa della casa editrice potreste sentirvi dire che perdete di credibilità, perché quel libro nemmeno lo conoscete. Perché quel post è un semplice copia-incolla. Perché di vostro non c'è un fico secco.
Allora. Io ho poco tempo e anche fare copia e incolla di tutti i comunicati stampa che arrivano al mese dalle Case Editrici mi sembra uno spreco di energie. Ma ne facevo sia chiaro, è solo che col tempo ho capito quanto fosse inutile. Come? Mi sono messa nei miei panni di lettrice: io quando vado nel blogroll, bypasso tutte le anteprime soffermandomi praticamente solo sulle recensioni e poco altro. Però non rinuncio a raggruppare le uscite più o meno interessanti in uno o due post mensili. Sarà utile? Boh... magari non frega a nessuno nemmeno di quelli xD

Se avete la rubrica In My Mailbox (o similari) potreste sentirvi dire che volete dare sfoggio dei vostri bottini.
Mhhh *riflette *... "sfoggio" mi sembra un po' esagerato. Boh, può essere, a me sembra solo una mera condivisione. Spesso anche motivata, tipo "Ho preso quel libro, perché...", "Ho scelto quell'autore, perché di suo ho adorato..." e così via. La tipica rubrica che si adatta maggiormente a un blog individuale piuttosto che a un blog collettivo ovviamente.
Io non uso In My Mailbox per motivi che ho già spiegato, ma non mi sento di criticare chi lo fa sinceramente. Tra l'altro mi capita spesso di elencare le mie new entry in Weekly Recap (e se non è zuppa è pan bagnato :P). Ecco, passare per quella che da sfoggio dei suoi libri mi dispiacerebbe... voi che ne pensate? Su questo punto m'interessa riflettere.

Se avete sul blog il banner di Amazon o della Feltrinelli potreste sentirvi dire che volete solo lucrare.
In effetti era il mio intento iniziale, purtroppo miseramente fallito 
Probabilmente chi lo dice non si rende conto che un banner del genere può portare anche € 0,00 al mese. Forse anche all'anno. E se qualcuno spera di tirarci anche su 10 euro per comprarsi un libro, spiegatemelo voi... che male c'è?

Se sul vostro blog fioccano 4 o 5 stelline come se fosse Natale potreste sentirvi dire due cose. O che non avete spirito critico. Oppure che i libri vi sono stati regalati e quindi il giudizio positivo è d'obbligo.
Potrebbe esserci anche la terza opzione: magari avete un culo pazzesco e leggete solo libri fighissimi... nessuno ci ha mai pensato? 
A parte questo credo che il lettore tutto scemo non sia e prima o poi capirà di quale blog fidarsi e di quale no. Di solito dalle recensioni emerge l'entusiasmo come la delusione e difficilmente certe emozioni si possono mascherare.

Se sul vostro blog fate giveaway (o giftaway, chiamateli come vi pare) a volontà potreste sentirvi dire che volete solo accalappiare quanti più follower possibili.
Rispondere a questa "accusa" è semplicissimo, basta non vincolare la partecipazione all'iscrizione al blog. Semplice no?
D'altronde cosa v'interessa avere dei lettori che s'iscrivono solo per un regalo se poi di fatto non vi seguiranno mai?
Molto meglio quei lettori che anche senza iscriversi vi seguono con passione.

Se avete un blog collettivo, potreste sentirvi dire che perdete di personalità, perché il lettore fatica a identificarsi con troppi recensori dai gusti ovviamente diversi.
Qui i pareri sono diametralmente opposti. C'è chi adora i blog collettivi perché sono aggiornati molto di frequente e propongono articoli a volontà, chi li trova troppo freddi e impersonali.
Qui c'è poco da dire. Dipende da cosa cerca il lettore. Voi cosa preferite?

Se leggete solo young adult potreste sentirvi dire che il vostro blog è una goccia in un mare di blog tutti uguali.
Questo potrebbe anche essere vero, ma quando leggo queste affermazioni mi viene da sorridere. Insomma, nessuno obbliga nessuno a seguire quei blog.
Il problema è che se un blog parla solo di thriller non riceve nessun tipo di critica, ma se la pietra dello scandalo sono i romanzi young adult... apriti Cielo!
Il punto è che se un blog è il riflesso di quello che siamo per forza se uno legge solo un determinato genere solo di quello parla! E si sa anche che Internet è spesso la "casa" di molti giovani (anzi giovanissimi), quindi... giovani + young adult... non finisco nemmeno il concetto, basta fare 1+1, no?

E voi? Blogger, followers, lettori di passaggio,
come la pensate?

27 commenti:

Sarah ha detto...

Eccomi qui, la classica lettrice fantasma, anche se ogni tanto commento!!!
Posso dire la mia da normale lettrice di libri e frequentatrice di blog.
Allora, non seguo blog collettivi perché mi sembrano delle riviste letterarie, spesso troppo serie e non ci trovo personalità.
Non partecipo ai concorsi perchè il solo pensiero delle 300 regole che a volte sono imposte mi fa sentire male.
Non m'interessa se ci sono centinaia di blog che parlano di young adult perchè ho ancora un cervello e scremo quelli che m'interssano da quelli che non mi trasmettono niente.
Le rubriche che parlano dei nuovi libri che entrano nelle case dei blogger non mi danno noia, anzi, ma teniamo conto che sono per natura curiosissimaaaa. xDDD

Credo infine che un blog debba avere un'anima e non dovrebbe mai prendersi troppo sul serio... cosa che non tutti fanno.
Sono stata brava? Ho risposto a tutto?


Anna Comnena ha detto...

io sono d'accordo su tutto tranne che sui banner Amazon, che ormai sono su tutti i blog che parlano di libri e che io non userò mai. Chi recensisce un libro su un suo spazio sta dando un consiglio, non fornendo un servizio, e non vedo perché debba guadagnarci. Un blog non è un lavoro. La cosa è diversa per i blog di vestiti e cosmetici, perché lì il blogger sta pubblicizzando un prodotto materiale, cosa che il libro non è.

Silvia Leggiamo ha detto...

@Sarah
"Sono stata brava? Ho risposto a tutto?"
Non proprio a tutto, ma sei stata brava!
Scherzooo, grazie per aver commentato!

@Anna Comnena
Che il banner di amazon sia su quasi tutti i blog che parlano di libri è vero, però credo che abbia lo stesso fine di un banner che pubblicizza un cosmetico su un blog che parla magari di moda e trucchi.
Il click finale spetta sempre all'utente. No?

radiolinablu ha detto...

Sono d'accordo su tutto!
Non capisco perchè le rubriche "In my mail box" e similari diano tanto fastidio. Io ci inserisco anche i libri che prendo i prestito, un po' perchè voglio condividere quali saranno le mie prossime probabili letture e un po' perchè sono felice quando riesco finalmente a comprar un libro che desideravo, magari da parecchio, e non vedo l'ora di parlarne con persone a cui può interessare, ovvero gli altri blogger e lettori!
Potessi ne parlerei con i colleghi, ma a loro non potrebbe importare di meno, per cui non capisco perchè una rubrica del genere dovrebbe essere considerata un tentativo di vantarsi.
Anche per i giveaway la penso allo stesso modo, non ho mai inserito l'iscrizione obbligatoria tra le regole perchè non è sensato che una persona che non ha tempo o magari voglia o che altro di seguirmi figuri tra i follower per "far numero". Tanto so che ogni tanto capiterà sul blog e commenterà comunque, e questo mi fa molto più piacere di un seguitore in più.
Non ho nulla contro i blog collettivi perchè capisco che a volte una persona sola può non trovare il tempo per gestire un blog come vorrebbe, l'unica cosa che vorrei è che fosse chiarito all'inizio della recensione o dell'articolo chi sta scrivendo.
Ciao!
Fede

Silvia Leggiamo ha detto...

Ciao Fede, io come Sarah faccio parte della schiera delle curiosone, quindi vado sempre a ravanare nelle new entry libresche dei blog.
Capita anche che scopra qualcosa d'interessante che esula dalle solite novità! ^^

Cheetara ha detto...

Mah, secondo il mio modesto parere, ogni blog sulla lettura e sui libri in generale è utile a modo suo. Se poi c'è anche il banner di Amazon o Feltrinelli o Pinco Pallo, e anche la rubrica In my mail box, tanto meglio per me, così magari mi faccio un'idea migliore dei libri da prendere e leggere.
Questi sono blog legati alla nostra passione per la lettura, e considerato che nessuno ci paga, non vedo nemmeno il motivo per una, anche minima, rivalità.

Nico Donvito ha detto...

Bello spunto di riflessione:)
Innanzitutto non ci vedo nulla di male a inserire banner pubblicitari, non si diventa ricchi ma almeno qualcosina per finanziare gli acquisti librari si incassa. Ho notato poi che il lettore è abbastanza furbo e non acquista tutto ciò che gli si propone, infatti i libri più acquistati sul mio blog sono quelli che fanno parte della classifica dei migliori libri, sempre secondo il mio parere soggettivo.
Anch'io evito di pubblicare post di sola anteprima, che si traducono in un copia incolla, ma alle volte ammetto di farlo. Di norma se ho tempo preferisco fare direttamente una recensione.
"Recensione su commissione" che tuttavia (detto con sincerità) mi inibisce. In questi casi cerco di essere abbastanza oggettivo, non mettendo cmq il giudizio sul libro letto.
Che altro non sono un blog collettivo, mai fatto giveway, e solo ora ho capito cos'è mymalibox:P

daydream ha detto...

Direi che sono d'accordo con te, Silvietta!
Io non faccio post per annunciare l'uscita di ogni libro, né per fare delle semplici segnalazioni di autori... mi limito a fare un post con le uscite del mese e basta... perché? Perché mi sembra inutile riempire il blog di anteprime e di post tutti uguali... e nemmeno mi fa impazzire l'idea di dire "leggete il libro dell'autore x, ve lo consiglio" se per prima non l'ho letto XD
Poi la considerazione su in my mailbox è assurda XD la si pubblica per presentare i nuovi titoli in libreria... per far vedere quello che ci piace e che probabilmente leggeremo presto non per "uh io ho il libro e tu no" XD
Banner pubblicitari non ne ho... e non giudico chi ce li ha °-° che male c'è?!
Va beh poi per le recensioni... da me c'è molto più che 4 o 5 stelline e concordo con te riguardo al fatto che i lettori dopo un po' si accorgono di chi fidarsi o meno XD
Per quanto riguarda i generi... ognuno legge quello che più gli piace... è ovvio che poi il suo blog rispecchi i suoi gusti... e amen XD
Per quanto riguarda i blog collettivi... non mi dispiacciono :)

Alla fine diciamo che la penso come te su praticamente tutto XD

Silvia Leggiamo ha detto...

@ Cheetara
Che non debba esserci rivalità è proprio vero, ma ultimamente ho letto in rete un sacco e una sporta di critiche... alcune magari inutili, ma altre anche costruttive
su cui mi sono fermata a pensare più dei soliti 10 secondi xD

@ Nico
"e solo ora ho capito cos'è mymalibox:P"
E non è mai troppo tardi per imparare xD Adesso immagino ti sentirai un illuminato ^^ (della serie, "vivevi benissimo anche prima"!)
Per i banner la penso uguale, io per ora i pochi euro presi li ho usati per comprare spazio virtuale su altervista.

Silvia Leggiamo ha detto...

@Deni
"uh io ho il libro e tu no"
E qui scatta la modalità "bambino di 4 anni" xD
Anche a me alcuni blog collettivi piacciono, ma non tutti sinceramente. Alcuni li trovo davvero molto impersonali, o forse sono io che non trovo nessuno con cui identificarmi... boh.

Francescast.84 ha detto...

Come tu ben sai, pure io gestisco un blog che parla di Libri e come te, i miei dubbi sono sempre tanti. Sarà interessante quello che scrivo? sono giusti i banner pubblicitari? la grafica è abbastanza coinvolgente? so comunicare?

Ora che il blog è attivo da quasi 3 anni ho deciso che pubblico solo i comunicati stampa dei libri che vorrei in prima persona leggere ... Quei blog che ne pubblicano troppi li salto a piè pari. Condivido l'idea di farne solo 2-3 apposta ... ma a volte le uscite sono così tante che raggrupparli tutti insieme ... è stancante anche per il lettore stesso. Sono utili? quando cerchi di fare informazione non sono mai abbastanza ... ma sono impersonali. Nutro sentimenti contrastanti verso loro.

Odio profondamente rubriche come "In my Mailbox", a volte ho avuto l'impressione che fosse solo uno sfoggio insensato. Un vanto. Qualcosa che si può evitare. Le testate giornalistiche ricevono continuamente libri dalle case editrici, ma non lo specificano. L'obbiettivo è comunicare, far conoscere, avvisare che è uscito quel libro. T'immagini se tu leggessi un articolo con scritto "Ringrazio tal dei tali perchè mi ha inviato XXX". Non so ... Per quanto il nostro sia più che altro un hobby o una passione, lo trovo poco professionale.

Anche io ho i banner di amazon. Ma il guadagno è pari a zero. In ogni caso è comparabile a tutti quei blog di moda o affini che sponsorizzano prodotti. Allora perchè i libri no?

Dulina ha detto...

Fortunatamente x ora non mi sono mai sentita dire queste cose, ma il mio è un blog piccolo che fa solo la sua parte, e che per me è di sfogo quando voglio comunicare qualcosa.
Perchè il blog dovrebbe essere un piacere prima di tutto.

Tra le cose che hai citato ti rispondo riguardo alla rubrica "In My Mailbox": io ce l'ho e la pubblico quando posso mettendoci dentro i libri nuovi che ho preso in biblioteca o che mi sono comprata.
Non scrivo perchè li ho presi, tranne ogni tanto qualche commento, metto solo la copertina e la trama.
E scrivo sempre chi è l'autore della rubrica e da chi l'ho presa.
Perchè non è un'idea mia, e credo sia giusto dire chiaramente chi ne è l'autore.
I contenuti però sono miei: non mi interessa pubblicare per forza libri nuovissimi che nessuno ha letto solo per dire "io ce l'ho", è solo un voler condividere con gli altri quello che leggerò.

E a volte spero di riuscire a convincere qualcuno ad avvicinarsi alla lettura.

E poi a certe cose non ci faccio proprio caso, collettivi o personali l'importante è leggere!! XD

Miraphora ha detto...

Premetto che io non ho un blog letterario per definizione, ma un blog dove commento ciò che leggo e un forum di genere. Tuttavia io seguo alcuni blog letterari, tra cui questo, quindi mi sento di poter dare un parere su entrambi i fronti. ^_^

Punto 1
Non faccio post copia/incolla sul mio blog, ma sul forum sì. Per dare un servizio ai miei utenti (che molto spesso lo fanno da sé, visto che son più veloci e informate di me). In linea di massima non li leggo negli altri blog, ma devo dire che in alcuni casi ho scoperto delle novità che altrimenti avrei perso.

Punto 2
Non ho rubriche e questa in particolare mi sembra troppo casuale per essere interessante, considerando che non fornisce info approfondite sui romanzi.
La questione del fare sfoggio...in alcuni casi è così evidente da essere imbarazzante, in altri invece è solo un elenco senza fronzoli. Io, comunque, la leggo in velocità su alcuni blog, in altri proprio la salto.

Punto 3

Ho i banner di Amazon, ma non spero di poterci fare 2 centesimi. E' un tentativo spudorato di lucro, yeah e quindi? :D

Punto 4

Se sul mio blog fioccano 4/5 stelline vuol dire che seleziono accuratamente ciò che leggo. Ho poco tempo e quindi scarto i titoli che non conosco e che probabilmente non mi piacciono. Forse mi privo del piacere della scoperta, ma che ci posso fare?
E comunque, per smascherare il voto fasullo basta leggere la recensione...

Punto 5

Niente regali sul blog, solo sul forum e solo in certi periodi dell'anno e solo per gli utenti. Non partecipo ai giveaway degli altri blog, sono troppo pretenziosi e pieni zeppi di regole noiose, faccio prima a prendere il libro in biblioteca o in libreria.

Punto 6

I blog collettivi sono positivi solo quando non sono un ritrovo per un gruppetto indisciplinato. Alcuni sono molto interessanti perché trattano generi diversi con la dovuta cura e attenzione, altri invece...meglio evitare.

Punto 7

Non mi interessa quanti blog ci sono sullo YA. Sono milioni? Vorrà dire che eviterò quei milioni di blog...dove sta il problema?

Mira

Francesca ha detto...

Io ho aperto un blog l'agosto scorso e, onestamente, non pensavo fosse un modo così pieno di polemiche. In fin dei conti nessuno ci guadagna nulla, non è un lavoro in cui c'è un capo da colpire per essere promossi eppure è pieno di gente che non la pensa così e vive per il proprio blog in un modo quasi maniacale. Certo, ci va serietà, altrementi perché lo si apre, ma secondo me non bisognerebbe mai perdere di vista il fatto che il blog è un hobby. E quindi, secondo me, tutte le polemiche che si creano intorno sono inutili e poco costruttive.
Comunque concordo praticamente con tutto quello che hai scritto e con tutto quello che è stato commentato.
Il fatto di ricevere comunicati stampa e pubblicarli non mi da nessun fastidio. Io non lo faccio e difficilmente leggo quelli che vengono pubblicati negli altri blog.
Sui banner di amazon & C. dico solo che ci sono blog che li hanno e criticano chi collabora con le CE perché i libri arrivano gratis. Non è un po' darsi la zappa sui piedi? In fondo in qualche modo anche chi ha i banner "che funzionano" riceve buoni per coprare libri.
Sulla questione dei libri con 4/5 stelline non posso che quotare Miraphora.
E per il resto, se un blog pubblica solo recensioni di YA, piuttosto che di libri simili alle sfumature, piuttosto che fantasy, piuttosto che libri di un genere che a me non interessa, evito prorpio di seguirli e amen. Se a loro piace il genere e leggono quello e poi ne parlano sul loro spazio, perché bisogna crocifiggerli?
Mi sono dilungata decisamente troppo, sorry :P
Buona giornata e buona settimana!

Francesca

Silvia Leggiamo ha detto...

@Francesca
Ciao Francesca, secondo me quando uno sipone delle domande è già positivo xD
Condivido tutto, ti rispondo solo per quel che mi riguarda a quest'affermazione:

"T'immagini se tu leggessi un articolo con scritto "Ringrazio tal dei tali perchè mi ha inviato XXX". Non so ... Per quanto il nostro sia più che altro un hobby o una passione, lo trovo poco professionale."

E' vero, ma per quel che mi riguarda il blog è un po' una sorta di diario dove emerge un po' di più chi sono, mentre sul sito raccolgo le recensioni, così chi non vuole perdersi in inutili caciare può farlo. Per questo qui mi permetto una tantum di parlare di cos'ho comprato, letto, visto in tv o al cinema. Poi giustamente c'è a chi frega zero xD

@Dulina
Ciao Dulina, personalmente nemmeno io mi sono sentita dire queste cose direttamente, ma leggendo qua e là critiche fatte a livello generale (senza linkare siti o blog) mi è venuto da rifletterci e da farci un post per condividere pensieri e opinioni.

@Miraphora
Punto 3:
Spero non fallirai miseramente come me xD
Punto 4:
Selezionerai anche le recensioni, ma ho letto anche delle belle critiche sul tuo blog!



Silvia Leggiamo ha detto...

@Francesca
"Io ho aperto un blog l'agosto scorso e, onestamente, non pensavo fosse un modo così pieno di polemiche."
Già, nemmeno io -_-'
Ma ho sempre vissuto senza guardarmi intorno e per certi versi era meglio.

Stella ha detto...

Ciao, io non ho un blog e sono una una di quei follower fantasma di cui parlavi xD.
Seguo una decina di blog e devo dire che non mi dispiace nè il "copia-incolla" nè In my mailbox, sono solo modi per scoprire nuovi libri.
Per quanto riguarda i giveaway non partecipo mai per due ragioni: O il libro già ce l'ho o ci sono troppe regole da seguire e comunque con la fortuna che mi ritrovo non vinco mai niente!
Poi adoro i blog che danno ampio spazio ai fantasy young adults, è un genere che ancora mi attira e non me ne vergogno!
Mi sa di aver detto tutto, forse anche troppo xD
Ciao!

..Mary.. ha detto...

Allora io sono solo un una follower!!!!non so come funziona il mondo blogger, ma sapevo di tutte queste polemiche.
Seguo molti blog. Per le anteprime mi soffermo solo a quelle che mi interessano, però devo dire che certe volte ho trovato libri davvero belli, e mi fanno conoscere libri incredibili.
Però ammetto che i post chilometrici tutti uguali mi infastidiscono un pò!!
A me la rubrica My Mailbox, non ha mai dato fastidio, si parla di libri, e non vedo il problema!!!
Per quanto riguarda le recensioni, devo ammettere che se fioccano recensioni su recensioni, con 4 o 5 stelline, e i libri sono delle scopiazzature, o sono inconcludenti, o sono brutti, il dubbio sorge. Sinceramente io vorrei leggere delle recensioni sincere, non mi piace essere presa in giro!! Che poi non vedo il problema di scrivere una recensione negativa, se è scritta senza nessuna offesa.

Silvia Leggiamo ha detto...

@Stella
Ciao Stella!
No, non hai detto troppo, anzi, sono i pareri dei lettori come te quelli più utili! Grazie mille per aver scritto!

Silvia Leggiamo ha detto...

@..Mary..
Grazie Mary per la tua opinione! A volte mi viene il dubbio che certe polemiche nascano solo da blogger contro blogger, ma che agli utenti poi interessi il giusto se una certa riubrica c'è o non c'è, se l'anteprima è lunga o corta... insomma se una cosa non piace basta non leggere e arrivederci al prossimo post!

Giada ha detto...

Io non ho un blog, almeno non di libri ^___^, e alla fine l'unico che seguo veramente il tuo. Adoro le tue recensioni così come tutti i libri che hai consigliato *____*. Questo per ricollegarmi al tema della sincerità nelle recensioni. In quanto semplice lettrice, per me è importante avere un blog di cui mi possa fidare anche se ha ricevuto il libro in regalo dalla casa editrice.
Riguardo invece la questione del banner di Amazon, sono pienamente favorevole! Se dopo una recensione che mi convince, mi ritrovo pure il link per comprare il libro, che male c'è? E se poi il blogger ci può guardare qualcosa, tanto meglio.
Invece per quanto riguarda i giveway, non partecipo per la ragione più semplice, troppe regole. Poi non mi piace mettere che seguo un blog in cui sicuramente non entrerò mai più.
Sugli altri temi non ho molto da dire... credo che ognuno dovrebbe parlare nel proprio blog dei libri che più gli piacciono, e se questi sono YA, che importa se ce ne sono altri mille?

Silvia Leggiamo ha detto...

@Giada
"alla fine l'unico che seguo veramente è il tuo"
Buongustaia! XD

"E se poi il blogger ci può guardare qualcosa, tanto meglio."
In effetti pensavo di pagarmi la prossima crociera sul Nilo... *si lima le unghie*

Ok la pianto e torno seria... ecco adesso sono senza parole però... *_*
Finamo in peace and love. Si legge quello che si ama, e si segue chi ci piace. Spero solo che in futuro mi ritroverò a leggere meno polemiche.

Lara ha detto...

visto che ho il mio piccolo angolo nel web ti dico come la penso punto per punto:

1) quando le case editrici mi mandano le newsletter con 10 libri me ne interessa uno e generalmente faccio l'anteprima per quello, magari unendo più case editrci, a volte un'uscita mi affascina così tanto che voglio subito condividerla con gli "amici" che mi seguono. a volte penso di fare un post cumulativo mese per mese però verrebbe fuori una cosa lunghissima e dovrei tenere memoria di tutte le uscite, diciamo che per me è anche comodo fare segnalazioni singole

2)faccio post dei libri che compro non per sfoggio ma proprio perchè mi piace condividere i miei acquisti e vedere cosa ne pensano gli "amici" e mi piace vedere cosa acquistano gli altri in modo tale da sapere di poter contare sulla loro opinione, magari in attesa di fare anch'io l'acquisto

3)diciamo che i gusti sono soggettivi e magari ad una persona basta poco per entusiasmarsi mentre altri pretendono di più, onestamente le stelle le prendo sempre con le pinze leggo prima la recensione, alla fine se un follower non condivide il mio sistema di giudizio mica glielo prescrive il dottore di seguirmi e leggere quello che leggo io!!

4)giftaway mai fatti, ne programmo uno se raggiungo 100 followers ma non credo che vincolerò la partecipazione all'iscrizione, se uno si iscrive ma poi non viene mai, onestamente non mi fa mica un favore! io ho il blog perchè voglio condividere con gli altri quello che leggo e lo faccio per passione, mi sono resa conto che è diventato quasi un secondo lavoro, se non amassi il mio angolino sarebbe difficile portarlo avanti

5)io, me, medesima, il blog è una parte di me, un pezzetto del mio cuore e delle mie idee che invio nel mondo

6)Leggo quello che mi pare, recensisco quello che leggo se a qualcuno non sta bene ripeto non ve lo prescrive mica il medico di passare a leggermi!

Ho usato il termine "amici" per quella decina di persone che passano sempre a trovarmi e mi lascia una frase a commento dei miei post, che sento anche su Facebook e si differenziano da tutti qui followers che sono iscritti ma non ho mai visto!

Silvia Leggiamo ha detto...

@Lara
"mica glielo prescrive il dottore di seguirmi e leggere quello che leggo io"
Ma infatti...
Guarda io credo che gli utenti abbiano una visione molto diversa e più rilassata dei blog e che alla fine non disprezzino anteprime e rubriche varie. Probabilmente le osservazioni (critiche?) che vengono spesso mosse verso i lit blog non sono il riflesso di quello che vuole un normalissimo lettore che cerca in Internet pareri e consigli.
Gli "utenti fantasma" sono spesso i migliori cmq ^^

MissGabrielle ha detto...

Bel post brava Silvia !^^
Per come la penso io,ognuno è liberissimo di far quel che meglio crede e gestire il proprio blog come vuole.
Provo a dire la mia su questi punti che hai messo in evidenza .

1)Per quel che riguarda i comunicati stampa , a me danno fastidio quando mi ritrovo a leggere su blogroll su 20 blog almeno 15 pubblicano tutti le stesse identiche notizie, ma basta passare oltre. Leggo il primo blog con le uscite e basta gli altri li salto !
Nel mio blog ne ho fatto una questione di principio ed infatti non pubblico mai post con nuove uscite visto che parlo solo di libri che ho letto. Lascio fare a chi ne ha voglia ,a me interessa solo leggere.

2)Se una persona vuole condividere i suoi "bottini" a me che male fa ?
Secondo me chi evidenza il fatto che i blogger vogliano dar sfoggio dei propri bottini è geloso punto e basta.

3)Per quanto riguarda i banner ho accarezzato l'idea io stessa , ma visto che per sentito dire non si guadagna quasi nulla ho rinunciato. Volevo lucrare anch'io e allora ? ^^
4)Credo che nessun lettore sia scemo,e se decide di leggere un libro solo perché quel dato blog gli assegna 5 stelline secondo me non è tanto accorto, almeno si legga prima la recensione su altri blog.

5) Questa cosa dei followers non l'ho mai capita.
Un'amante sincero di libri se ne frega se il suo blog ha 50 o 1000 followers, certo fa piacere sapere che in molti leggono e si fidano del tuo parere.
Se ho davvero voglia di regalare un libro lo faccio perché voglio condividerlo con altri, non per aumentare il numero delle persone che frequentano il mio blog.
Qui ci sarebbe da fare una bella distinzione fra i "veri amanti dei Libri" ovvero quelli che leggerebbero tanto anche se non avessero un blog da portare avanti , e quelli che hanno un blog "tanto perché è di moda averlo". E lì mi vien da ripensare al primo spunto di riflessione di questo topic, ovvero ci sono anche blogger che fanno 4 o 5 copia e incolla di comunicati stampa al mese e una solo recensione, in quel caso si capisce subito se è un blog "veri amanti" o solo "di moda".

6) Personalmente non frequento molti blog collettivi, direi che non mi dispiacciono ma nemmeno mi entusiasmano.

7)E' ovvio che ognuno abbia un genere letterario preferito, io per esempio adoro i romance e gli urban fantasy e leggo molti YA e allora ?
Vengo criticata ? Vivo lo stesso ^^

Scusa Silvia ho scritto un poema ^^
Un abbraccio

Mr Ink ha detto...

Silvia, ma dov'ero quando hai pubblicato questo articolo stupendo?! Parole SANTE. Ma quante stronzate leggo in giro: non vi piacciono i blog letterari? Non leggeteli/frequentateli, risponderei io! Alcune cose mi fanno davvero infuriare u.u
Una cosa non è di tuo gradimento? Non commentare.
Reputi gli YA libri per ragazzini? Lo sono! Vai in una biblioteca ammuffita e sprofonda sotto i mattoni di Tolstoj: la vita è tua!
E tutte quelle polemiche sui giveaway e sulla rubrica in my mailbox: pensate a cose più importanti... tipo a farvi una vita tutta vostra. Quanto sono acido oggi <3 A presto,
Mik

Silvia Leggiamo ha detto...

Già! Dov'eri Mik?!
In effetti quando ho scritto il post ho cercato di essere il più conrollata possibile, ma ultimamente capito in un blog e leggo che critica gli altri... boh... se da una parte mi faccio delle domande, dall'altra mi do anche delle risposte. E in effetti ti viene da chiederti come mai nessuno si fa più i fatti propri xD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...