2 maggio 2013

trame riciclate # 3 [speciale favole]

Vi è mai capitato di leggere un libro e pensare "ma questa cosa dove l'ho già sentita?" Bene, su questa rubrica forse lo scoprirete.
Ma attenzione! Qui si faranno considerazioni il più oggettive possibili sul riciclo delle trame, riciclo anche involontario ovviamente, in quanto a volte uno ha un'idea... ma qualcun altro l'ha già avuta prima! 

Non sempre il riciclo delle trame è visto di cattivo occhio, anzi, ce n'è uno in particolare che è addirittura amato, ovvero *rullo di tamburelli*... il riciclo delle favole! Il post di oggi si può dire una sorta di "speciale" dedicato alla favola di Cenerentola.



Ormai con Cenerentola si indicano tutte le protagonista sfigate che riescono ad accalappiare il primo bonazzo che passa il quale ovviamente è anche ricco sfondato e la renderà felice e contenta per tutta la vita. Amen.
Al cinema la figura della fanciulla sola e disperata è stata abusata in tutte le salse, basti pensare a film intramontabili come Gigi o Pretty Woman, ma non basta una protagonista con suddette caratteristiche per far pensare alla favola di Perrault, serve anche una matrigna, delle sorellastre, dei fidati aiutanti (non necessariamente dei topolini ovviamente) e magari un ballo o una festa.
Nei libri dove troviamo tutto questo?

Parto da un testo che riprende la storia, ma la proietta a Rodìo Miliciò, un piccolo paese della Sicilia, dove Angelina vive nell'attico abusivo lasciato dal padre, un barone decaduto che a suo tempo si era sposato con Ignazia, la donna di servizio, la quale aveva già due figlie, ovviamente perfide.
Questo libro di Emma Dante (nota regista) pubblicato nel 2011 per La Tartaruga Edizioni, intitolato "Anastasia, Genoveffa e Cenerentola", ha tutti i crismi della nota favola se non fosse per la morale. Qui chi fa del male non viene perdonato, ma paga per i suoi peccati, ma non prima di essere stato vittima dei propri assurdi desideri. Non per niente il libro si concentra maggiormente sulla figura delle tre megere, piuttosto che sulla povera Angelina.
Se volete leggere che fine fanno evidenziate lo spoiler:
La matrigna viene trasformata in cane e le due sorellastre in zecche in modo che possano succhiare il sangue alla madre.
Finale in parte veritiero dal momento che in una delle versioni originale la punizione è anche peggiore: secondo ordine del principe alle tre donne vengono cavati gli occhi da dei corvi.
Bello eh?  

Di fatto però la storia di Cenerentola è per lo più una favola d'amore, quindi quale trasposizione perfetta poteva trovare se non nel romance? Molte autrici di questo genere hanno creato intere saghe sulla falsa riga delle fairy tales, come per esempio Julia Quinn che personalmente trovo simpatica, divertente e romantica. I suoi libri sono una coccola a cui nessuna donna dovrebbe sottrarsi.
In "La Proposta di un Gentiluomo", Sophie è orfana e vive con la matrigna e le due sorellastre, la tenera governante veste i panni della fata madrina e non manca nemmeno il fantomatico ballo dove la nostra protagonista si reca di nascosto e incontra il suo Principe Azzurro. Sophie però non può farsi riconoscere, alla mezzanotte scappa e invece di perdere la scarpetta perderà un guanto...
In molti hanno trovato il romanzo sottotono rispetto ai soliti della Quinn, a me è sembrato tanto carino invece (qui la recensione)... sarà che le favole mi fanno sognare a prescindere!

Anche Eloisa James si è dichiaratamente ispirata alle favole con la serie Happily Ever Afters (chiamata anche Fairy Tales) e il primo libro è proprio quello dedicato a Cenerentola.
In "Il Bacio di Mezzanotte" i richiami non sono così espliciti come nel romanzo della Quinn, ma la storia viene comunque ripercorsa in modo originale con alcune varianti sul tema. Kate (la protagonista) non è propriamente bellissima, ma è intraprendente e forte; i cani sostituiscono i topolini della favola; la sorellastra non è una vipera; la fata madrina è una donna audace e dispensatrice di consigli mica da poco; il principe è bellissimo, ma un tantino arrogante. Poi c'è il ballo, il bacio a mezzanotte, la fuga, la scarpetta persa. E il lieto fine? Be', potrebbe mancare mai?

Non potevo poi non citare Cinder di Marissa Meyer il primo libro di una quadrilogia che riprenderà le favole di Cenerentola, Cappuccetto Rosso, Raperonzolo e Biancaneve.
Anche questa volta i richiami sono evidenti, ma rielaborati con intelligenza e inseriti in un mondo futuristico non propriamente idilliaco. Cinder è un cyborg, il principe di Nuova Pechino (eh sì, siamo in Cina) si deve sposare ma non sa da che parte sbattere la testa, c'è un insolito dottore che veste i panni della fata madrina, l'odiosa matrigna, le sorellastre (ma una non è cattiva, anzi), il ballo e la perdita... del piede.
Cinder è stato un dei romanzi young adult che ho preferito nella passata stagione, rivisita bene la favola, ma nonostante i continui richiami te la fa anche dimenticare perchè la rinnova e rielabora. (Qui la recensione)

Una Cenerentola moderna ma non troppo è quella di Gail Carson Levin, ovvero Ella de "Il Dono delle Fate".
Ella una volta rimasta orfana è costretta a vivere con la matrigna e le due sorellastre per uno strano scherzo del destino: quando è nata, una fata le ha dato il dono del'obbedienza (certi regali la gente non potrebbe tenerseli per sè?), quindi si ritrova a essere serva per forza, non per scelta poraccia. Nonostante i continui "sì, sì, va bene, lo faccio" Ella saprà prendere in mano il proprio destino grazie a un carattere determinato e a regalarsi un lieto fine con il suo Principe!

Passiamo adesso a una Cenerentola dalle tinte dark. Una Cenerentola, Christelle, che in realtà è una strega che vuole vendicarsi in nome della madre morta sul rogo. Una sorellastra, Genevieve, disposta a tutto per amore. I ruoli sono invertiti, la storia vira sull'horror, ma non mancano topi, zucche, il ballo e la scarpina di cristallo.
M'ispira? Oh yes! Il romanzo è dell'italiana Laura Mac Lem (perchè l'esigenza di uno pseudonimo simil-americano?) e s'intitola "L'Incanto di Cenere".

Per finire cito il libro di Daniela Barisone, giovane scrittrice dichiaratamente divertita dalle storie erotiche e gay *tossisce*. Quindi la sua Cenerentola è un lui (Ronan) e il suo principe un altro lui (Mike) *tossisce*. Insieme faranno scintille nello sfavillante Regno di Los Angels *tossisce*. Prima però dovreste leggere Biancaneve, il romanzo che apre questa goliardica serie *tossisce*. Non aggiungo altro, anche perché non si giudica un libro senza averlo letto... quindi me ne sto zitta zitta... *tossisce* *tossisce* *tossisce*

Ci sono ovviamente moltissimi libri che prendono in prestito solo il nome di Cenerentola, essendo ormai la metafora della ragazza sfortunata (vedi "Cenerentola a Kabul" di Khan Rukhsana, o "Trappola per Cenerentola" di Sébastien Japrisot) o chi invece prosegue la favola, la reinventa e quindi ricicla solo il personaggio come ha fatto Barbara Fiorio in "Chanel non fa le scarpette", dove tre fanciulle delle fiabe vengono catapultate nel mondo moderno e vincolate con un patto: se troveranno il vero amore nella vita reale si perderà memoria delle loro storie e diventeranno mortali, in caso contrario tutto tornerà come prima...
E ancora. Davide Nonino nella sua novella per bambini "Cenerontola, principessa all'arrembaggio" ha ripreso la nostra protagonista, l'ha ingrassata e resa single (xD)e l'ha messa a vivere in un castello con il Gatto con gli Stivali (qui la recensione)... ma qui mi fermo, non vorrei fare un altro dei miei soliti post chilometrici, ma adoro questa rubrica proprio perché mi permette di spaziare in vari territori libreschi!

E voi amate il riciclo delle favole nei romanzi?
Conoscete altri testi ispirati a Cenerentola?

14 commenti:

Sarah ha detto...

Ci sono davvero casi di ricicli molto diversi tra loro, come sempre bellissimo post, io adoro le fiabe, quindi autori "riciclate a volontà!" xD

Serena in incognito :D ha detto...

Ciao!!
Grande! Mi piacciono! *_*
Anche io ne ho trovato uno, girovagando su GR e mi aveva incuriosito.. Si chiama "Cindy Ella"! :)

http://www.goodreads.com/book/show/1757580.Cindy_Ella

Giada ha detto...

Ma che carino questo post! Adoro il riciclo delle fiabe *__*.
Ho letto Cinder e quello della Quinn... Inutile dire che mi sono piaciuti molto. E voglio assolutamebte leggere la versione dark di cenerentola! Per quella gay... passo :)

Silvia Leggiamo ha detto...

@Serena in incognito
Peccato che Cindy Ella di Robin Palmer non sia stato tradotto in italiano, almeno non mi risulta. E dire che mi sembra strano che non esista un romanzo contemporaneo che ricalca Cenerentola...

@Giada
Come passi la versione gay? Una vera amante dei ricicli favoleschi legge tutto! xD

Serena in incognito :D ha detto...

Silvia, hai ragione!! In italiano non c'è.. :(
io l'ho preso in inglese perché mi aveva messo allegria.. Però potrebbero anche tradurlo qui da noi eh! :DD

Silvia Leggiamo ha detto...

E' un vero peccato :((

Ancella ha detto...

Favoloso questo post *_*
"La proposta di un gentiluomo" della Quinn ce l'avrò in libreria da almeno dieci anni e non ho mai avuto modo di leggerlo...credo che forse prossimamente lo leggerò perché mi ci vuole proprio una storia così "fiabesca" :-)

Sophie ha detto...

Il mio retelling di Cenerentola preferito? "Ash", di Malinda Lo: in questa versione della fiaba, Cenrentola si innamora non del principe, ma di una cacciatrice reale, che ovviamente la ricambia praticamente fin dal primo sguardo! XD Ma per poter avere l'occasione di stare con la donna dei suoi sogni, Ash è costretta a stringere un terribile patto con un glaciale folletto dei boschi... Un libro che adoro, scritto in maniera incantevole da un'autrice per ragazzi che stimo tantissimo! :D

Silvia Leggiamo ha detto...

Sophie, grazie mille per la segnalazione!

..Mary.. ha detto...

Di questi libri, ho letto solo Cinder, carino, ma mi aspettavo qualcosa di più!!
Gli altri più o meno sono nella mia lista!!!soprattutto quello della Quinn.
Per quanto riguarda la versione gay, credo di passare anche io, non ho nulla contro di loro, ma non è il mio genere di libro!!!

Emy ha detto...

Il mio amore per le favole si estende anche a derivati e prodotti di riciclo :D
"La proposta di un gentiluomo" non mi ha entusiasmata. E' il primo, e finora unico, romanzo che letto della Quinn, ma conto di riprovarci con altri titoli.
"Il bacio di mezzanotte" mi aspetta in mezzo alla pila delle letture arretrate, ma mi rifarò presto. Spero non mi deluda.
La Cenerentola in versione cyborg di "Cinder" mi ha conquistata con la sua originalità. Non vedo l'ora di mettere le mani su "Scarlet".
Per quanto riguarda "Il dono della fata" ho visto il delizioso film che ne ha tratto la Disney con il titolo "Ella Enchanted" ed Anne Hathaway nei panni della protagonista.
"Ash" (citato da Sophie) mi è piaciuto a tratti, probabilmente perchè parteggiavo per il misterioso essere fatato.
Tra gli altri titoli citati penso che darò un'occasione a "Chanel non fa scarpette di cristallo", di cui ho letto buone recensioni.
W le favole! ^_^

Phoebes ha detto...

L'idea dei retelling delle favole a me piace molto, ma non ne ho ancora mai letto neanche uno!

Tra questi titoli quello che mi ispira di più è sicuramente "Cynder", che infatti ho già in wishlist.

Quello gay (che comunque devo dire mi incuriosisce!) mi ha fatto venire in mente una cosa: ma retelling al contrario ne esistono? Cioè dove lui è Cenerentolo (o Biananeve, o il Bello Addormentato, ecc...) e lei la Charming Princess? A me una storia così intrigherebbe molto!

Silvia Leggiamo ha detto...

Ciao Phoebes, di retelling al contrario di Cenerentola non ne sono a conoscenza, ma qualcosa di altre favole sì. Ne parlerò nei prossimi post ^^

Phoebes ha detto...

Ah, che bello!!! Grazie! :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...