16 ottobre 2015

Recensione, LA VERITA' SUL CASO HARRY QUEBERT di Joël Dicker

Ho rimandato questa recensione fino all'inverosimile, ma è arrivato il momento di dirvi come la penso sull'osannato romanzo di Joël Dicker, anche se ormai l'ho spifferato ai quattro venti e per molti non sarà più una sorpresa ;)
Ovviamente è la mia modestissima opinione, quindi se avete amato il libro non prendetevela, anzi scrivetemelo pure, mi fa sempre piacere confrontarmi con chi la pensa diversamente da me!
Buona lettura!

La Verità Sul Caso Harry Quebert di Joël Dicker 

| Bompiani , 2013 | pag.779 | € 19,50 |

Estate 1975. Nola Kellergan, una ragazzina di 15 anni, scompare misteriosamente nella tranquilla cittadina di Aurora, New Hampshire. Le ricerche della polizia non danno alcun esito. Primavera 2008, New York. Marcus Goldman, giovane scrittore di successo, sta vivendo uno dei rischi del suo mestiere: è bloccato, non riesce a scrivere una sola riga del romanzo che da lì a poco dovrebbe consegnare al suo editore. Ma qualcosa di imprevisto accade nella sua vita: il suo amico e professore universitario Harry Quebert, uno degli scrittori più stimati d'America, viene accusato di avere ucciso la giovane Nola Kellergan. Il cadavere della ragazza viene infatti ritrovato nel giardino della villa dello scrittore, a Goose Cove, poco fuori Aurora, sulle rive dell'oceano. Convinto dell'innocenza di Harry Quebert, Marcus Goldman abbandona tutto e va nel New Hampshire per condurre la sua personale inchiesta. Marcus, dopo oltre trent'anni deve dare risposta a una domanda: chi ha ucciso Nola Kellergan? E, naturalmente, deve scrivere un romanzo di grande successo.

Voto:
(tutte le parti in cui è presente Nola o la mamma di Marcus)
(tutte le parti in cui ci sono solo Harry e Marcus)

(tutto il resto)

Non mi meraviglio che la Francia abbia riempito Joël Dicker di premi, loro sono fatti così. Tentano di trasformare tutto quello che toccano in oro e ci riescono praticamente sempre, anche quando tra le mani si ritrovano tanto fumo e poco arrosto.
Ogni volta che vado in vacanza in questo Paese stupendo mi rendo conto di quanto ci sappiano fare. Sono dei ruffiani con un ego smisurato e che dire? Fanno bene. C'è un attentato a Parigi? Nel loro telegiornale la notizia dura 5 minuti, gli altri 25 sono dedicati alla tavola, al mare, alla montagna e a dirci quanto si stia bene in Francia. Il nostro turismo cala, il loro aumenta.
Sono bravi cavolo, non condivido tantissime cose del loro sistema, ma sanno come valorizzarsi.

Di solito non mi faccio infinocchiare dalle campagne mediatiche, ma questa volta sono stata subito attratta dalla storia e complice la super spesa con Marito, il libro è finito nel carrello. Non l'ho letto subito, per me l'importante era averlo, sapere di potermi svegliare un giorno con la voglia di leggerlo e averlo lì, a portata di mano.
Alla fine l'ho infilato nella valigia delle mie vacanze estive. Mi aspettava un viaggio bellissimo, e cosa c'era di meglio di un thriller che per sentito dire si divorava in poche ore nonostante la mole? Niente.
Posso solo dire che è vero. Il romanzo scorre velocissimo, ma se a tratti è coinvolgente in altri è fastidioso e quasi imbarazzante. Mi sono chiesta più volte come l'autore abbia potuto dar vita a pensieri tanto profondi e poche righe dopo a dialoghi tanto insulsi. Roba degna del bipolarismo più cronico, giuro.
Eppure, lo ripeto, si arriva all'ultima pagina in tempi record...
Ho chiuso il libro con un sorriso. E' ironico come finzione e realtà siano un po' la stessa cosa e non capisco se l'autore pecchi d'ingenuità o se si sia divertito a prendersi gioco di noi lettori. Fatto sta che racconta le dinamiche dell'editoria e di come i successi si possano studiare a tavolino e non ho potuto fare a meno di vederci la sua di storia. Non quella di Harry o di Marcus, ma proprio quella di Joël . Poi non nego che il romanzo abbia dei grandi punti di forza, ma pecca anche stilisticamente, perdendosi in un mare di ripetizioni melense e nauseanti, per non parlare delle forzature che in un giallo non dovrebbero esistere.
La trama credo sia nota ormai a tutti. Marcus, uno scrittore che sta attraversando il classico periodo di "blocco" inizia a indagare sul passato del suo mentore e amico Harry Quebert, accusato di aver ucciso la giovane Nola con cui avrebbe avuto una relazione più di trent'anni prima.
Indagini che avanzato in modo quasi ridicolo, ma come viene spesso sottolineato quello che conta in un libro non è sempre lo stile, ma la morbosità della storia.
Marcus dovrebbe approfittare della situazione per scrivere una biografia su Harry, che lo faccia bene o male non ha importanza, tanto venderà in ogni caso, perché la gente ama spiare dal buco della serratura la vita degli altri, vuole aprire i loro armadi e trovarci dentro quanti più scheletri possibili. Ed è il motivo per cui il romanzo di Dicker si legge in fretta. Per curiosità.
Ma dopo?
Dopo non resta nulla, guardandosi a ritroso si pensa solo a quanto le indagini di Marcus procedano grazie a espedienti poco credibili: poliziotti che spifferano informazioni confidenziali come se fossero pettegolezzi da quattro soldi, avvocati che aggirano la legge in modo inusuale, paesani spesso troppo caricaturali, ma con la battuta giusta al momento giusto.
Purtroppo tutto andava ridimensionato, perché ogni dettaglio è così esasperato che spesso si sfocia nella parodia. Dicker mi è sembrato addirittura classista. I paesani sono così ignoranti e pieni di cliché da sembrare delle macchiette degne di una qualche vignetta umoristica, mentre Harry o Marcus, colti e intelligenti, si riempono la bocca di belle parole, ma i toni alla lunga diventano pomposi e saccenti in modo quasi fastidioso.
Dopo ottocento pagine resta il bluff. O forse questo romanzo non voleva essere un thriller, ma una specie di autobiografia, forse il senso del libro sta altrove e allora sì, Dicker in questo caso si meriterebbe un applauso, perché la sua partita a pocket l'ha vinta e molti non si sono accorti dell'inganno.

"Sai cos'è un editore? È uno scrittore mancato il cui padre aveva abbastanza soldi da consentirgli di appropriarsi del talento altrui."
da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/aforismi/vita/frase-201048?f=w:5688>

Acquista su Amazon



16 commenti:

Sara.88 ha detto...

Sino ad ora avevo letto solo pareri positivi che mi stavano quasi per convincere che non dovevo farmi scoraggiare dalle 800 pagine.. ma faccio un passo indietro e per ora dico no! ;)

Silvia Leggiamo ha detto...

@Sara io potrei consigliarlo (seguendo il mio gusto ovviamente) a chi non ama il thriller come lo amo io. Crudo, forte, pieno di tensione.
Stringi stringi questa è una storia molto soft piena di citazioni in stile baci Perugina. Però non so, è davvero un libro adorato dai "più", quindi magari l'ho percepito male io.

Cuore Zingaro ha detto...

Anche la mia copia è finita nel carrello della spesa...mi hai un po scoraggiata devi ammetterlo, ma voglio farmi un'idea mia, proverò prima o poi a leggerlo e se non è di mio gusto....via!!!

Cecilia Attanasio ha detto...

Io l'ho preso in biblioteca e mi è piaciuto abbastanza. A dire la verità mi aveva scoraggiata l'aver capito l'identità dell'assassino dopo le prime due pagine, io che non ci azzecco mai, ma probabilmente, concordo con te, mi è piaciuto proprio per il suo non essere thriller. Le parti tra Marcus e il professore sono piene di belle frasi però! :D

Mr Ink ha detto...

Io ho letto cose brutte e belle, sul suo conto.
M'interessa ancora per entrambi i motivi, paradossalmente.
Sono curioso.

Lady Debora ha detto...

A me invece è piaciuto molto ;) le sue 800 pagine non mi sono pesate anzi mi hanno rapito pagina dopo pagina, sarà che è uno dei pochi thriller che ho letto quindi le forzature e le pecche non le ho notate come può fare un'altra che i thriller li mangia a colazione ;p perciò sarà anche questo fattore che mi ha fatto apprezzare particolarmente il libro :)

La libreria di Tessa ha detto...

A distanza di tempo ciò che ricordo di più di questo romanzo è il nervoso che mi suscitava Nora, una vera psicopatica! ricordo anche tante, troppe pagine di troppo.

Nico Donvito ha detto...

Nonostante non sia un thriller crudo ma piuttosto soft, il romanzo nel complesso mi ha preso abbastanza, dunque per me promosso :)

La Je ha detto...

Finalmente!!!
Qualcuno che non sopravvaluta questo mattone pomposo!
Io ho detestato OGNI e dico OGNI personaggio al punto che speravo l'assassino ne facesse fuori altri 2 o 3 prima di esser preso.

Nora: imbarazzante.
Ok,un adolescente è vero.
Lo sono stata pure io.
Ma mai cosi' gallina.
E tutti quest'uomini che si vantano di esser così colti,così filosofici...che cazzarola ci trovavano in questa qua???!!!
(Ovviamente lo immagino,alla facciazza della filosofia!)

Harry: eremita in crisi di mezza età pregna di depressione.

Marcus: borioso,pomposo e saccente.Vorrei sbagliarmi ma credo sia l'alter-ego di Dicker.

Tutti gli altri: nemmeno me li ricordo.

Ps.
Sono d'accordo sui francesi.
Basti pensare che reputano la loro cucina migliore della nostra...

Silvia Leggiamo ha detto...

@Cuore Zingaro
Giustissimo, bisogna farsi sempre un'idea propria, e cmq resta un libro che si legge in fretta, il che va a suo vantaggio!

@Cecilia
Mi ricordo che ti era piaciuto, ma ci sta dai, non è che possiamo amare tutti gli stessi libri. Certo resto della mia idea, secondo me chi non è avvezzo ai thriller lo apprezzerà maggiormente ;)

@Mr Ink
Devi leggerlo. Dopo tutto questo parlare diventa quasi obbligatorio farsi un'idea proprio. Almeno dopo potrai stroncarlo liberamente x°D (già lo so che lo farai a fettine)

@Debora
Magari per avvicinarsi al genere è il libro giusto, purtroppo la mole di thriller che ho alle spalle mi hanno impedito di apprezzarlo.

@Tessa
Ahahaha, paradossalmente le pagine scorrono anche, però sì, se si pensa alla storia ce ne saranno 300 di troppo!

@Nico
E' vero che amo i thriller forti, però per esempio Central Park di Musso è abbastanza soft (anche se cervellotico) e mi è piaciuto. Dicker invece mi innervosiva proprio x°°°D

@La Je
Quoto tuttooooo ahahahahaha! E sì, Marcus è sicuramente l'alter ego di Dicker ;)



Nina ha detto...

Il libro mi è stato prestato da un'amica al quale è piaciuto tanto...non posso dire che la trama non ti prende, anzi è molto scorrevole ma in alcuni punti l'ho trovato ripetitivo e confusionario. Comunque lo consiglio...in fondo non è così male!

Red_Kedi Noe ha detto...

L'altro giorno ero in libreria e l'ho visto. Devo dire che per un momento mi son detta "chissà, magari è veramente bello" perchè non so bene da quanto tempo lo vedo tra le recensioni degli amici. Poi mi sono trattenuta e mi sa che ho fatto proprio bene! Dopo il tuo commento, non ci proverò nemmeno... Non amo molto le letture vuote

Silvia Leggiamo ha detto...

Purtroppo in questo libro ci sono frasi anche belle (ma molto da baci perugina e biscotti della fortuna) e altre che sembrano il nulla cosmico. Frasi che ti fanno cadere non solo le braccia, ma anche il cuoio capelluto. Poi si sa... i gusti son gusti.

Nelly ha detto...

Ho rischiato di caderci anche io in questo libro, dalla trama mi sembrava interessante, poi essendo in libreria con mia madre le dissi: Secondo te è interessate? lei lo prese, lo sfogliò per un po' e mi disse: Non fa per te, questo è buono per un Telefilm, e le diedi retta. E a quanto vedo non è la sola a cui non è piaciuto. Per una volta sono contenta di non aver buttato i soldi.

berico predieri ha detto...

Sono arrivato a pagina 200 e non ne posso più..banale noioso dialoghi insulsi personaggi caricaturali la storia d'amore più smielata re melensa che abbia mai letto...200 pagine e di thriller zero....se.continua così lo mollo presto.....

Silvia Leggiamo ha detto...

Secondo me andando avanti peggiora pure 🤔

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...