28 settembre 2016

Recensione, NON ASPETTARE LA NOTTE di Valentina D'Urbano

Buonasera a tutti! Mi sento in colpa perché sto rimandando a oltranza le recensioni delle vecchie letture, ma cavolo... ho letto un romance! Dopo tanto ne ho letto uno (perché lo è checché dicano...) e non ho avuto l'istinto di accendere il caminetto per darlo alle fiamme. Quindi ok, avrà anche dei difetti, ma ha pure un sacco di cuore. E io ne avevo tanto bisogno.

Non Aspettare la Notte di Valentina D'Urbano

| Longanesi, 2016 | pag. 377 | €  16,90 |
Giugno 1994. Roma sta per affrontare un’altra estate di turisti e afa quando ad Angelica viene offerta una via di fuga: la grande villa in campagna di suo nonno, a Borgo Gallico. Lì potrà riposarsi dagli studi di giurisprudenza. E potrà continuare a nascondersi.
Perché a soli vent’anni Angelica è segnata dalla vita non soltanto nell’animo ma anche su tutto il corpo. Dopo l’incidente d’auto in cui sua madre è morta, Angelica infatti, pur essendo bellissima, è coperta da cicatrici. Per questo indossa sempre abiti lunghi e un cappello a tesa larga. Ma nessuno può nascondersi per sempre.
A scoprirla sarà Tommaso, un ragazzo di Borgo Gallico che la incrocia per caso e che non riesce più a dimenticarla. Anche se non la può vedere bene, perché per Tommaso sono sempre più i giorni neri dei momenti di luce. Ma non importa, perché Tommaso ha una Polaroid, con cui può immortalare anche le cose che sul momento non vede, così da poterle riguardare quando recupera la vista. In quelle foto, Angelica è bellissima, senza cicatrici, e Tommaso se ne innamora. E con il suo amore e la sua allegria la coinvolge, nonostante le ritrosie.
Ma proprio quando sembra che sia possibile non aspettare la notte, la notte li travolge...
Voto:

Mi ero innamorata della penna ruvida e tagliente di Valentina, una penna capace di prenderti a morsi e lacerarti la pelle, una penna che aveva unghie e denti e che adesso non c'è più. Ma solo in parte. Valentina scrive sempre magnificamente, ha solo voluto raccontare una storia diversa da quelle a cui ci aveva abituato. E per una volta invece che ferirci ha preferito curarci.
Non Aspettare la Notte è un bel cerotto che andrà a rattoppare tutti i tagli inferti precedentemente, e quindi va bene così. È un romanzo con un respiro meno ampio del solito, che si focalizza prevalentemente sui due personaggi principali e che ha quasi tutte le caratteristiche del tipico romance; insomma è un libro che va contestualizzato nel genere e nel target giusto, solo allora lo si potrà apprezzare. Perché ok, non sarà originalissimo, sicuramente saprà di già letto, ma a me, dalla metà in poi, ha creato una certa dipendenza. Considerando poi il numero indecente di romanzi rosa che quest'anno ho iniziato e abbandonato (credo di aver battuto qualsiasi record!) lo considero un piccolo miracolo che solo la D'Urbano poteva operare!
Cosa mi è piaciuto? Leggendo la trama pensavo che mi sarei innamorata della complessità dei personaggi, invece mi sono fatta travolgere dalla loro semplicità. Singolarmente Tommaso e Angelica sono due anime pronte ad andare in pezzi, ma insieme sono indistruttibili. E normali. Lui non è più la sua malattia, non è più il ragazzo che diventerà cieco a causa della retinopatia degenerativa che gli consuma gli occhi, e lei non ha più il corpo e il viso devastato da trecentosettantasei punti di sutura, l'ultimo regalo di sua madre prima di morire.
Sono diversi, ma si prendono. Ti prendono.
Lui che è bello, lei che non lo è più. Lui che sfreccia per le vie di Borgo Gallico su di un vecchio motorino smarmittato senza il becco di un quattrino in tasca, lei che ha appena ereditato una villa da mezzo miliardo di lire. Lui che ha il sole nel cuore, lei che è pioggia e tormento. E poi da sfondo gli anni Novanta. Gli anni degli amori estivi, delle notti a guardare il cielo cercando quella stella che cadendo esaudirà un desiderio impossibile. Gli anni senza social e cellulari. Gli anni in cui tutto sembra dannatamente più complicato, ma anche tremendamente più bello.
» continua a leggere sul sito

Acquista su Amazon

Nota: I commenti rilasciati a questo post, saranno visibili anche nella pagina del sito dedicata alla recensione.

10 commenti:

Mr Ink ha detto...

Come romance, magari, ci sta. Ma il punto è che la D'Urbano non scrive romance secondo me e, se li scrive, io semplicemente non voglio leggerli.
Non era lei, sdolcinata, buonista e romanticissima. Mancava il graffio.
Se fosse stato un titolo Newton Compton, però, be', tanto di cappello!
Ora leggi gli altri: avevo detto a Gianfranco di regalarti Acquanera pure, ma mi ha ascoltato a metà, arghhh! :-D

Silvia Leggiamo ha detto...

Mi aveva regalato Sette Minuti Dopo la Mezzanotte e Carrisi. Ma no problem, a Natale te lo rimando x°°D
Per il libro capisco, davvero. Mi rendo conto che chi voleva la solita Valentina non l'ha avuta e c'è rimasto male, io invece in un oceano di romance da affondare mi ha fatto piacere trovarne uno che si salva.

Ely ha detto...

Ciao Silvia ho tanto sentito parlare della D'Urbano e mi incuriosisce il modo in cui parlate dei primi libri, penso che inizierò da quelli e poi mi approccero' a questo romance ^_^

Silvia Leggiamo ha detto...

@Ely, a te questo piace, fidati!!!

Anonimo ha detto...

Quando cuore anche nelle tue parole!
Romina

Silvia Leggiamo ha detto...

Eh, ma quando una cosa mi prende, non ci sono santi!
Poi tu... lo amerai pazzamente!

Alice Land ha detto...

Ce l'ho lì da leggere, quindi salto la tua recensione e ci ritroviamo dopo! *__*

Silvia Leggiamo ha detto...

@Alice, ma io sono brava, spoilero meno della trama in quarta copertina!

Alice Land ha detto...

Sì lo so che sei bravissima!Ma è una fisima mia. Devo viverlo senza condizionamenti! Non devo sapere niente e a volte non leggo nemmeno tutta la trama, fai te! X°°D Questo ovviamente di libri che so già per certo che voglio leggere. Per altri una bella recensione è indispensabile per decidermi a leggerlo.

Silvia Leggiamo ha detto...

Ma ti capisco, faccio uguale, tendo a fidarmi molto più degli autori che delle trame, e mi piace proprio approcciarmi a un libro sapendo il meno possibile. <3

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...