24 luglio 2013

Donato Carrisi a Imola per presentare l'Ipotesi del Male

" ...alla fine di ogni presentazione qualcuno del pubblico viene ucciso."
Adesso ho capito perché amo quest'uomo. Perché non è solo un grande scrittore, anzi narratore (lui preferisce così), ma anche un eccellente oratore e io ieri sera l'avrei ascoltato per ore. Anzi, per dirla tutta, me lo sarei portato volentieri a casa perché mi raccontasse le favole della buonanotte... sono certa che con lui farei bei sogni...
Quella di ieri sera è stata una delle presentazioni più belle che abbia mai visto. Donato è una calamita e ha stregato tutto il pubblico. Chi lo amava, adesso lo ama di più, chi non lo conosceva adesso vuole leggersi tutti i suoi libri.
E io ero lì, con le mie due amiche, a farmi trasportare dalla voce dei suoi ricordi e dalle emozioni che vive quotidianamente e di cui ci ha reso partecipi.
Donato lavorava per un'importante rete televisiva come sceneggiatore, aveva un ottimo contratto, uno stipendio da far invidia alla maggior parte delle persone, ma aveva "quella" storia che gli premeva dentro, Il Suggeritore voleva essere raccontato a tutti i costi, e così decise di mollare tutto.
Andò dal suo produttore e gli comunicò che aveva bisogno di un anno sabbatico per scrivere un libro e la risposta fu: "Tu sei pazzo". Quindi andò dal suo agente, stesso iter, e anche stessa risposta: "Tu sei pazzo". Alla fine rese partecipe del suo nuovo progetto la sua compagna di una vita, 13 anni insieme, che esordì con un "Tu. Sei. Pazzo". E lo lasciò. A quel punto Donato capì una cosa... forse il segreto per scrivere è farsi mollare dalla fidanzata.
E questo è solo uno dei tanti aneddoti che ci ha raccontato. Avrei voluto che poteste sentirlo mentre parlava della sua "avversione" per gli ebook, di come sia cresciuto tra dei veri e propri spacciatori di libri, della sua bancarella preferita alla stazione Termini di Roma che vende i romanzi dimenticati sul treno dai passeggeri. Io lo ammiro perché lui vede più di quello che tanta gente vede. Perché lui vede le storie sui volti delle persone, nelle situazioni che gli capitano, nei gesti dei passanti. Lui trae spunto ovunque.
La Donna dei Fiori di Carta nasce proprio da un suo viaggio in treno. Sale una ragazza bellissima, lui la vede e il "film" parte. La storia si scrive da sola. Donato deve scendere a breve e pensa che quella che ha davanti potrebbe essere la donna della sua vita, ma forse non lo scoprirà mai, forse non saprà mai nemmeno il suo nome, allora decide di "dichiararsi" tramite il Corriere della Sera che sta leggendo e che dimenticherà di proposito sul sedile. A questo punto vorreste sapere com'è finita la storia? In fondo se ci pensate non ha importanza, perché tutto quello che accade, ogni cosa che viviamo, può creare suspense. Non c'è bisogno di sangue, coltelli, e violenza per creare un thriller. Basta il semplice piacere dell'attesa. E la storia può prendere qualsiasi imprevedibile direzione e potrebbe rivelarsi una bellissima storia d'amore come la più cocente delle delusioni.
Il Tribunale delle Anime nasce invece dalla scoperta della Penitenzeria Apostolica, il più grande archivio criminale del mondo dove il Male viene catalogato da Secoli. Dopo una breve ricerca un'ulteriore scoperta. Il Male nel tempo non cambia. Dichiarazioni e motivazioni di assassini vissuti nel 1400 si potrebbero benissimo traslare al nostro presente... semplicemente agghiacciante.
Non c'è niente da fare, Donato sa di cosa parla e anche se si chiama Carrisi e il suo nome non è potente e d'impatto - ma lui non ha voluto usare nessuno pseudonimo -  io ieri sera non avrei voluto incontrare nessun altro. Nè Ken Follet, nè Connelly e nemmeno Dan Brown. Solo lui, Donato Carrisi. Che si è aperto e venduto al pubblico con talento e maestria, che si è raccontato sotto diverse luci, come quando da piccolo vide il cadavere del suo vicino di casa, morto col sorriso sulle labbra e pensò "non so cosa abbia visto il signor Leandro prima di andarsene, ma quando sarà la mia ora spero di vederla anch'io" o quando alla sua prima autopsia per l'esame di medicina è svenuto per poi risvegliarsi su un tavolo di ferro accanto al cadavere.
Alla fine della serata Donato ha firmato le copie dei suoi libri, io ero lì con i miei tre tomi, e con grande orgoglio quando mi ha chiesto "A chi li dedico?" ho risposto "A Silvia. Tutti tre a me. Sono tutti miei". Ero felice. C'ero solo io, il mio autore italiano preferito, lo scenario bellissimo del cortile della biblioteca di Imola, una luna quasi piena... e i miei tesssori!

"Gli uomini fanno la storia, le donne fanno le storie."

Recensioni
- Il Suggeritore
- L'Ipotesi del Male
- La Donna dei Fiori di Carta

11 commenti:

Mr Ink ha detto...

Un resoconto favoloso, Silvia *-* Che invidiaaa! Spero che pubblichi presto qualcosa di nuovo, magari anche di diverso (è bravissimo in tutto, e si è capito), e che, prima o poi, riesca a partecipare a una di queste presentazioni.
Ps. Non so se te l'ho detto, ma nei giorni della recensione di "L'ipotesi del male", pubblicata in anteprima grazie alla mitica Longanesi, mi ha scritto su FB. Insieme al messaggio di Alessia Gazzola (anche lei una delle mie preferite!), li ho salvati sul pc :P

Silvia Leggiamo ha detto...

Ma ti capisco! Io avrei potuto anche incorniciarlo un suo messaggio xD

P.S. Ho dimenticato di scriverlo, sembra che ci sarà un altro romanzo collegato al Tribunale delle Anime.

Mattia ha detto...

Che invidia, mitico Donato!

Mr Ink ha detto...

Un'occasione buona per rileggerlo! :)

Giada ha detto...

Che bello Silviaaa, posso solo immaginare l'emozione che hai provato incontrando uno dei tuoi autori preferiti. Sono tanto contenta per te ♥♥♥
Ma dicci... cosa ti ha detto Donatino quando ti ha visto con la tua bella pila di libri, emozionata e con gli occhi a cuoricino? *__*
Comunque la prossima volta spero di esserci anch'io ^__*
P.S. Il resoconto è bellissimo, si sente l'emozione della serata!

Camilla P ha detto...

Si sente tutta la passione per i suoi libri e la tua ammirazione, non posso che essere felice per te che hai potuto vederlo e ascoltarlo dal vivo :)

Emy ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Emy ha detto...

Un post che sprizza amore, devozione e felicità da tutti i pori. Sono contenta per te :D
" ...alla fine di ogni presentazione qualcuno del pubblico viene ucciso."...è una citazione di uno dei libri di Carrisi? O alla fine qualcuno c'è rimasto secco? ;)

Silvia Leggiamo ha detto...

" ...alla fine di ogni presentazione qualcuno del pubblico viene ucciso."
no, non è una citazione del libro, è quello che stava dicendo xD ma io sono sopravvissuta :P

Renato C. ha detto...

Grazie per averci regalato queste curiosità, anche a me piace moltissimo come autore, è davvero un grande!

Angela ha detto...

io sto leggendo l'ipotesi del male.... bello bello!! mi piace come scrive carrisi!!! provvederò anche a leggere gli altri!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...