1 aprile 2014

Recensione, ALLEGIANT di Veronica Roth

La lettura di Allegiant è stata decisamente travagliata: tutto era contro di me. Dal mal di gola fulminante (nel senso che un minuto prima stavo bene, quello dopo ero k.o.) all'orzaiolo all'occhio destro... insomma sembrava che una qualche forza soprannaturale non volesse farmi arrivare alla fine del romanzo, una fine che per quanto mi abbia fatto male mi è piaciuta parecchio.
La recensione è assolutamente senza spoiler di nessun tipo.

Allegiant di Veronica Roth

| De Agostini 03/2014 | pog. 538 | € 14,90 | divergent #3 |
- goodreads - anobii
La realtà che Tris ha sempre conosciuto ormai non esiste più, cancellata nel modo più violento possibile dalla terrificante scoperta che il "sistema per fazioni" era solo il frutto di un esperimento. Circondata solo da orrore e tradimento, la ragazza non si lascia sfuggire l'opportunità di esplorare il mondo esterno, desiderosa di lasciarsi indietro i ricordi dolorosi e di cominciare una nuova vita insieme a Tobias. Ma ciò che trova è ancora più inquietante di quello che ha lasciato. Verità ancora più esplosive marchieranno per sempre le persone che ama, e ancora una volta Tris dovrà affrontare la complessità della natura umana...
Voto:
 

Male, male, male. Allegiant mi ha fatto male. Ma è un male buono, uno di quei mali che era giusto affrontare e se dopo millecinquecento pagine mi sono ritrovata con gli occhi gonfi di lacrime allora posso dire senza ombra di dubbio che la Roth, con la sua trilogia distopica, ha colpito nel segno.
Di seguito non troverete nessuno spoiler sull'epilogo, chi è arrivato fin qui non ne ha bisogno, ma a chi deve ancora intraprendere questo viaggio voglio dire cos'ha significato per me. Leggere questa trilogia è stato come guardare un film senza colonna sonora, un film in cui le immagini si susseguono veloci, senza primi piani strategici attui a catturare le emozioni o scene al rallentatore per imprimere un pathos maggiore. No. In Divergent, Insurgent e Allegiant non c'è nessun espediente per far leva sul lettore, tutto scorre in modo inarrestabile come il tempo. E tutto lascia un segno indelebile nel tempo, perché ogni azione ha un ripercussione a cui non ci si può sottrarre. Ma i protagonisti di questa serie sono giovani uomini e giovani donne cresciuti troppo in fretta e non è perché c'è una guerra che si può evitare di innamorarsi. Non è perché si muore che ci si può permettere di arrendersi. Non è perché si combatte che non si ha bisogno di un abbraccio.
Ho amato Divergent perché mi ha fatto conoscere la forza e l'incoscienza di personaggi apparentemente già definiti, ma in realtà il loro cammino verso una piena consapevolezza di sé si scoprirà essere solo all'inizio.
Ho amato Insurgent perché mi ha fatto scoprire una Tris nuova, profondamente umana, quasi autolesionista, totalmente persa in un abisso di incertezze che non le permetteranno di agire con lucidità in più di un'occasione.
E ho amato Allegiant perché ogni cosa trova il suo posto. Ogni personaggio capisce finalmente chi è, chi vuole essere... chi è sempre stato.
Tris in questo romanzo è più forte che mai, la sedicenne minuta e fragile che non sapeva a quale fazione votarsi il giorno della Scelta, ha lasciato il posto a una vera combattente che ha fatto i conti con il peso dei ricordi e ha capito che nemmeno la morte le porterà mai via le persone a cui ha voluto bene. Certi sentimenti sono indelebili.
» continua a leggere sul sito

Sezione Spoiler



Per parlare del finale di Allegiant
in tutta libertà clicca qui.


Acquista su Amazon


Nota: I commenti rilasciati a questo post, saranno visibili anche nella pagina del sito dedicata alla recensione.

6 commenti:

Alessia ha detto...

Da quanto non passo da qui Silvia :(
Allegiant mi sembra un buon modo per farmi viva, un buon "pretesto" *_*
Ho amato la trilogia della Roth, ho amato Allegiant e sono contenta che anche tu sei rimasta soddisfatta.
Mi è piaciuta tantissimo la tua recensione, mi ha emozionato davvero!

Mr Ink ha detto...

Splendida recensione.
A me, purtroppo, la trilogia non è piaciuta poi così tanto - escludendo il primo volume - ma Allegiant è una degna conclusione. E' di quella tristezza necessaria, positiva. Se fosse finito diversamente, non mi sarebbe piaciuto per nulla e tutti gli errori in cui, spesso e volentieri, la Roth scivola mi sarebbero sembrati insormontabili. Bellissima la scena finale. Spero che il suo stile cresca: su questo trovo debba migliorare.

Silvia Leggiamo ha detto...

Ciao @Alessia, mi fa piacere vederti in giro per l'etere! Sì, ho amato la Roth e la trilogia, con tutti i suoi pregi e i suoi difetti, perché alla fine il cuore ha avuto la meglio!

@Mr Ink
Lo so Michele che la pensiamo diversamente, ma almeno sul finale siamo d'accordo! Sono d'accordo anche sullo stile della Roth, è vero, può migliorare, ma questa volta il voto l'ho dato contando le lacrime versate! 4 stelline e mezzo tutte di pancia (l'ho detto anche nella recensione di Divergent che non sarei mai potuta essere un'Erudita :P)!

Alice ha detto...

Bellissima recensione Silvia, sono circa a 2/3 e per ora sono totalmente d'accordo con te. Aspetto di finire e poi commenterò nell'altro post perché voglio spoilerare in tutta libertà! :)
Ciao!

Mr Ink ha detto...

Infatti il trucco è sempre la "pancia". Altro che prova costume! Anch'io la prima e l'ultima parte della mia recensioni le ho scritte di pancia. Questi finali del genere mi "fanno fesso" :P

Romina ha detto...

Recensione bellissima per un libro che mi ha mandato in pezzi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...