26 giugno 2012

Recensione, X di Cory Doctorow

Finalmente risco a postare la recensione di X! Vi stavate strappando i capelli per l'attesa, vero?
La trama non leggetela, fa sembrare il libro più complicato di quello che è, quando racconta invece la ribellione di un piccolo fratello (riferendosi a George Orwell), Marcus, contro un sistema che vuole avere il controllo su ogni cittadino. L'unica differenza è che Marcus non combatte con armi vere, non usa la violenza, ma solo il suo ingegno. E cercherà di far scoppiare un caos informatico a San Francisco!

X di Cory Doctorow
Newton Compton, 2009
Pagine 330


Recensione 
Trama: Nella severissima Chavez High School, a San Francisco, il preside ha Installato un sistema ultramoderno per monitorare le attività degli studenti minuto per minuto. Ma uscire dalla scuola senza permesso non è mai stato un problema per Marcus, noto sul web come "w1n5tOn": lui conosce tutti i segreti della rete ed è in grado di neutralizzare qualsiasi dispositivo di sorveglianza. E mentre i compagni rimangono a scuola, Marcus e i suoi amici Darryl, Vanessa e Jolu si divertono per le strade della città, All'improvviso una terribile esplosione: il più efferato attacco terroristico della storia distrugge il centro dI San Francisco, e i quattro, al posto sbagliato nel momento sbagliato, vengono arrestati perché ritenuti coinvolti nella strage. Chiusi in carcere senza alcun processo e torturati perché confessino, i ragazzi sperimentano sulla loro pelle la violenza e la crudeltà della polizia. Grazie a una console modificata per eludere i controlli del governo, una volta libero wln5t0n darà vita a una comunità di ribelli non violenti, intenzionati a combattere e arginare lo strapotere del Dipartimento di Pubblica Sicurezza. Perché, per chi odia la guerra e la violenza, la tecnologia e l'informatica sono le uniche armi vincenti.
Nota: Vi ricordo che i commenti rilasciati a questo post, saranno visibili anche nella pagina del sito dedicata alla recensione.

4 commenti:

Giada ha detto...

Sembra davvero carino, anche se forse non rientra proprio nel mio genere. Il fatto che il protagonista sia un adolescente però, mi fa pensare che la storia sarà a tratti più "leggera" di quello che potrebbe sembrare all'inizio.

Camilla P. ha detto...

Il nick del protagonista (W1n5t0n) già mi fa amare questo libro. "1984" è uno dei libri che più mi ha colpita negli ultimi anni!

Conoscevo già il libro; la tua recensione, però, ha sottolineato aspetti di cui non avevo ancora sentito parlare. Spero proprio di leggerlo prima o poi, mi interessa moltissimo - in fondo, è una tematica su cui dobbiamo riflettere tutti, soprattutto visti gli sviluppi degli ultimi anni in tutto il mondo.

SilviaLeggiamo ha detto...

@Giada
Il libro parla di adolescenti ed è per adolescenti, in America viene proprio consigliato come lettura scolastica didattica, ma per certi versi è molto più forte e d'impatto di tanti young adult.
Ma oltre alla guerra informatica e a tutti gli spunti di riflessione si parla anche di genitori/figli, amicizia, e anche di amore. Tutte cose che a quell'età non possono mancare!

@Camilla
Ma pure io usavo quel modo di scrivere una volta... da giovane... emh... lasciamo perdere.
Comunque se la tematica ti ispira non credo possa deluderti come lettura.

»мσяgαиα« ha detto...

un premio per te qui -> http://nalie-overthehillsandfaraway.blogspot.it/2012/06/piovono-premi.html

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...