4 dicembre 2017

Recensione, WINTERSONG di S. Jae-Jones

Nell' ultimo post dicevo quanto fossi fortunata, perché stavo facendo solo belle letture, ma si sa, le cose belle prima o poi finiscono... U.U

WINTERSONG di S. Jae-Jones

| Newton Compton, 2017 | pag.448 | € 10,00 | Wintersong #1 |

Sin da quando era una bambina, Liesl ha sentito infiniti racconti sui Goblin. Quelle leggende hanno popolato la sua immaginazione e ispirato le sue composizioni musicali. Adesso ha diciotto anni, lavora nella locanda di famiglia e sente che tutti i sogni e le fantasticherie le stanno scivolando via dalle mani, come minuscoli granelli di sabbia. Ma quando sua sorella viene rapita dal Re dei Goblin, Liesl non ha altra scelta che mettersi in viaggio per tentare di salvarla. E così si ritrova catapultata in un mondo sconosciuto, strano e affascinante, costretta ad affrontare una decisione fatale. Ricco di musica e magia, personaggi straordinari e storie avvincenti e romantiche, Wintersong trasporta il lettore in un’atmosfera indimenticabile.
Voto:

Siamo quasi a Natale, il panorama si tinge di bianco, dai comignoli sbuffa il fumo dei caminetti, le strade brillano di luci e festoni. Io adoro questo periodo dell'anno e forte di una magia che solo dicembre sa sprigionare mi è venuta voglia di tuffarmi nelle atmosfere di un romanzo che sapesse di favola. Wintersong mi è sembrato perfetto.
Nato come retelling di Labyrinth (il film diretto da Jim Henson) racconta la storia della giovane Elisabeth e dell'avventura nel sottosuolo che dovrà intraprendere per salvare la sorella rapita dal Re dei Goblin. Un viaggio irto di ostacoli, ma anche liberatorio, che la metterà a stretto contatto con la sua vera natura.

Il bello di questo libro è che è facilmente riassumibile. In pratica: du' palle così. Due grandissime, enormi palle che sono arrivate all'ultima pagina nello "sfracellamento" più totale.
Salvo solo la copertina stupenda. Tutto il resto è noia.  ♪ ♫ Ma noia, noia, noiaaaaaa, no non ho detto gioia, ma noia noia noiaaaaa.
Altro che opere classiche come colonna sonora del romanzo, qui ci vuole Califano. Sarà che non sono una virtuosa della musica, ma in questo libro si parla più di melodie, composizioni, violini e pianoforti che di sentimenti ed emozioni.
Delle atmosfere di Labyrinth non c'è traccia, della sensualità di cui ho sentito tanto parlare meno che meno. E come se non bastasse i personaggi sono più piatti di un servizio della Tognana. Elisabeth, detta Liesl, è una ragazza con le idee parecchio confuse e io proprio non ce l'ho fatta a comprenderla. Dice una cosa, dopo tre secondi la nega, ne dice un'altra e nella stessa riga afferma "ma sarà davvero così?". Non è mai contenta, fa sempre la vittima, ed è una lagna continua. Come il Signore degli Inganni si sia innamorato di lei... booohhhhh. Ma in fondo sono figli della stessa madre, perché pure lui in fatto di noia non lo batte nessuno.
A salvare quello che si è preannunciato un mezzo disastro già dopo venti pagine poteva essere la storia, ma niente da fare, anche quella non funziona. Procede alla velocità di un bradipo zoppo. Il folklore, la Baviera, e il periodo storico in cui è calato Wintersong non offrono un solido background, probabilmente a causa di scrittura troppo lineare, incapace di creare pathos e di fotografare un mondo la cui magia non ho visto. Per arrivare all'ultima pagina ho dovuto inserire il pilota automatico e procedere per inerzia. A un certo punto ero addirittura entrata in un loop da cui non riuscivo più ad uscire; leggevo cinque pagine e mi addormentavo. Appena mi risvegliavo riprendevo la lettura e pochi minuti dopo crollavo di nuovo... così... all'infinito... °___°
Sicuramente è un problema mio, sono pienamente consapevole del fatto che a moltissimi lettori questo libro sia piaciuto, e anche tanto, ammetto che non sia la solita storia con lui/lei e "amiamoci contro tutto e tutti", ma così come tocca ripetutamente le corde della musica, quelle del mio cuore non le ha nemmeno sfiorate. Ed è una cosa che non può influire pesantemente sul mio giudizio finale.

Acquista su Amazon

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Tu ti sarai annoiata io almeno mi sono fatta due risate con la tua recensione!
Romina

sorairo ha detto...

Menomale che ho preso l'ebook in offerta ad €1 😂

Girasonia76 ha detto...

Ma nooooo! a me è piaciuto!! :D però la tua recensione mi ha fatto sghignazzare dalle risate, effettivamente non hai tutti i torti, però a me è piaciuto lo stesso oh!

Katerina ha detto...

Non sei sola, io mi sono annoiata così tanto che gli ho dato una stellina e nemmeno l'ho voluto recensire XD

Emy ha detto...

Hai ridimensionato le mie aspettative che, vista l'ispirazione a Labyrinth, erano piuttosto alte; comunque il libro l'ho prenotato in biblioteca, così non dovrò versare eventuali lacrime per soldi mal spesi :)

Silvia Leggiamo ha detto...

@romina
Ma che non l'hai capito? Sono qui proprio del farvi fare due risate!

@sorairo
Be', l'offerta del black friday era davvero imperdibile!

@ Girasonia
Ah 😶

@ katerina
Ahahah, ancora più spietata!

@Emy
La biblioteca è sempre cosa buona e giusta 😊

Giusy P. ha detto...

La trama sembrava carina, ma non mi convinceva più di tanto. E per fortuna ho dato ascolto al mio istinto XD

Silvia Collotta ha detto...

Cavoli, io l'ho peso in ebook a 0,99 e leggendo qui ma anche su altri blog o profili mi sa che ho limitato i danni perlomeno :D

daydream ha detto...

Come ti dicevo l'altro giorno... dopo aver letto questa tua recensione negativa, e dopo averne letta un'altra qualche giorno fa, l'ho rimosso dalla wishlist alla velocità della luce nella speranza nessuno me l'abbia preso per Natale X°D incrocio le dita!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...